Muore durante un controllo di polizia, inchiesta a Parma. Il genero: «Soffocato come Floyd»

Lunedì 22 Giugno 2020
Foto di repertorio

Era al volante senza cintura di sicurezza, è stato fermato dalla Polizia Stradale. Avrebbe reagito alla sanzione, poi il tragico epilogo. Antonio Marotta, 63 anni, originario di Salerno, nel tardo pomeriggio di ieri è morto a Fidenza (Parma), dove viveva da tempo. Era a bordo della sua auto quando è scattato il controllo da parte di una pattuglia della Polizia Stradale.

Lecce, poliziotto muore in un incidente dopo aver perso il controllo dell'auto
George Floyd, sparatoria a Minneapolis: un morto e undici feriti

Gli agenti hanno notato che non indossava la cintura e così lo hanno fermato. Secondo quanto risulta non era la prima volta che il 63enne veniva controllato senza i dispositivi allacciati, ma ieri pomeriggio, dopo la contestazione del verbale, l'uomo pare abbia reagito andato in escandescenze e cominciando ad inveire contro i poliziotti. Per fermarlo i due agenti di pattuglia lo avrebbero ammanettato e, a quel punto, il 63enne si sarebbe sentito male, accasciandosi al suolo. Subito è partita la chiamata al 118 ma i medici arrivati sul posto, dopo vari tentativi di rianimazione, non hanno potuto fare altro che constatarne la morte.

Sull'episodio la Procura di Parma ha deciso ulteriori accertamenti ed aprirà nelle prossime ore un fascicolo di indagine. Nei prossimi giorni quindi verrà eseguita l'autopsia sul corpo del 63enne e saranno quasi sicuramente ascoltati dal magistrato i due agenti della pattuglia. Si vaglierà la loro posizione. La famiglia dell'uomo ha subito nominato un proprio legale, l'avvocato Carlo Ambrosini, e ora chiede che venga fatta chiarezza su quanto successo. A parlare è Angelo Pinto, genero di Marotta che, parlando con l'Ansa, associa la vicenda del familiare al caso Floyd. «Non ci spieghiamo come possa essere accaduto un evento del genere. Per noi è tutto riconducibile ai fatti americani», ha detto.

L'UCCISIONE DI UN AFROAMERICANO IN USA

Secondo le testimonianze che Pinto ha riferito di avere, «per futili motivi si sono permessi di ammanettarlo, buttarlo a terra e soffocarlo. Un abuso di potere vero e proprio come quello del povero americano ucciso». Altri testimoni invece raccontano del tentativo degli agenti di calmare l'uomo e poi del suo improvviso malore al momento di essere ammanettato. Marotta, vedovo, bracciante agricolo in pensione da una decina d'anni era, secondo quanto riferito dallo stesso genero, cardiopatico e soffriva di alcune patologie respiratorie certificate pare anche da un documento che il 63enne portava sempre con sé. «Era poi un uomo leale, calmo e giusto - ha concluso Angelo Pinto - Viveva per i nipoti e i figli».

Ultimo aggiornamento: 19:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA