Bimbo ucciso a Napoli, lasciato agonizzante per ore sul divano. Il patrigno: «Avevo fumato diversi spinelli»

PER APPROFONDIRE: bimbo, cardito, tony sessoubti
Bimbo ucciso, lasciato agonizzante per ore sul divano Il patrigno: «Avevo fumato diversi spinelli»

di Mary Liguori e Marco Di Caterino

Emorragia interna o frattura della base cranica. Sarebbero queste le cause del decesso del piccolo Giuseppe. Sono i primi dettagli dell'esame sul corpo del bimbo di sei anni massacrato, a Cardito, domenica, dal compagno di sua madre. È morto lentamente, Giuseppe, poteva salvarsi se solo qualcuno avesse chiamato in tempo i soccorsi. Magari sua madre che era presente al pestaggio e che, assieme al patrigno-orco, ha anche tentato di medicarlo.

Bimbo ucciso a Cardito, il padre a Pomeriggio 5: «Come si può essere così crudeli?»

 
 


È la ricostruzione che viene dall'udienza di convalida del fermo che si è tenuta ieri. Tony Essoubti Badre ha avuto la decenza di non chiedere misure alternative al carcere. Si è rimesso alle decisioni del giudice che, nel primo pomeriggio, ha spiccato ordinanza cautelare per l'omicidio del bimbo e le lesioni a sua sorella. Per due ore, assistito dall'avvocato Michele Coronella, Tony ha parlato con il gip Santoro, ha risposto alle sue domande.

La confessione si è arricchita di particolari macabri, assurdi, peggiorativi per la sua già disastrata situazione. «Ho fumato diversi spinelli, come faccio ogni giorno. Poi ho perso la calma», perché quella pace dei sensi che gli dà la droga era funestata dalle grida dei bambini, tutti e tre in casa, proprio tutti, perché di domenica la scuola è chiusa.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 31 Gennaio 2019, 09:19






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Bimbo ucciso a Napoli, lasciato agonizzante per ore sul divano. Il patrigno: «Avevo fumato diversi spinelli»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2019-02-01 09:24:01
Pena di morte
2019-01-31 23:10:05
1500 morti all’anno per cause legate a sostanze stupefacenti,circa 80.000 morti all’anno per cause legate a droghe legalizzate e vendute dallo Stato,alcool e tabacco. Cosa fa più male ? Qui si sta accusando la pistola non chi l’ha usata. Non è lo spinello che ha indotto questa persona a fare quello che ha fatto,ma ė facile specularci sopra. Quanti casi ogni giorno di morti per le strade a causa di gente ubriaca ? E cosa aspettano a rendere L’alcool illegale visto che il proibizionismo sembra essere l’unico sistema che funziona ?
2019-02-01 11:42:58
Se si liberalizza si toglie guadagno agli spacciatori di professione, questo è vero, ma il problema si ripropone perchè chi spaccia non ce la fa a lavorare, quindi cercherà altre cose da spacciare. Siamo passati dalle barbe delle pannocchie a pastiglie che si impadroniscono totalmente del genere umano, ogni "cedimento" va a nostro sfavore. Secondo me anche la natura interviene in questo senso, quando hai bevuto troppo cadi e quando fumi troppo tossisci come un drago, è come dicesse "occhio che non va bene". Alla fine, la vita mi sembra preziosa.
2019-01-31 22:55:54
Alcool e tabacco uccidono cento volte di più in Italia delle droghe,circa 1500 decessi all’anno per droga contro i 50.000 di alcool e tabacco,spiegatemi tanto accanimento contro il male minore mentre c’ė accondiscendenza per quello che uccide di piu ? Italiani svegliatevi.
2019-01-31 20:03:12
Abbe'. Sicuramente cerchera' di scaricare la responsabilita' del delitto essendo temporaneamente incapace di intendere e volere ... Magari potrebbe fare anche da testimonial per i "liberalizzatori"