Acqua alta a Venezia, alle 23.30 previsti 125 cm: «Allagamento del 30% della città»

PER APPROFONDIRE: acqua alta, scirocco, venezia
Acqua alta a Venezia, alle 23.30 previsti 125 cm: «Allagamento del 30% della città»
La segnalazione arriva dal Centro di previsione Maree: il forte vento che ha colpito la laguna nel giorno di oggi ha portato il Comune di Venezia, nel suo ultimo aggiornamento delle 20, a correggere la previsione per l'acqua alta:  alle 23.30 non di 120 ma di 125 cm per lo scirocco. Con questo valore, circa il 30% della città sarà allagato. Un livello insolito per il mese di aprile.

Previste nevicate in giornata sulle zone montane a 1500/1800 metri sulle Prealpi e 1300/1500 metri e localmente a quote inferiori sulle Dolomiti. Una spruzzata di neve ha anche interessato Cortina d'Ampezzo dove il manto è arrivato a 2 centimetri che si sta sciogliendo per una leggera pioggia.

 


Secondo i parametri utilizzati in questi casi, la marea di 120 centimetri equivale a un codice arancio. Un picco che comporta l'allagamento del 28% della città. A spiegare cosa ha contribuito alla creazione del fenomeno è la Protezione civile regionale: «una vasta circolazione ciclonica, con centro sulle isole britanniche, si estende verso il Mediterraneo centro occidentale e determina dapprima un intenso flusso di correnti meridionali, umide e a tratti instabili, e nella seconda parte di giovedì il transito di un sistema frontale: soprattutto in quel giorno sul Veneto avremo una fase di tempo perturbato» con venti «tesi o a tratti forti (nelle ore centrali/pomeridiane) da sud-est sulla costa e pianura limitrofa, in attenuazione dalla sera/notte; possibili forti raffiche anche in occasione di temporali».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 4 Aprile 2019, 12:44






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Acqua alta a Venezia, alle 23.30 previsti 125 cm: «Allagamento del 30% della città»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 6 commenti presenti
2019-04-04 17:53:17
e il mose prosegue imperterrito la sua annosa -e costosa- latitanza...