Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Cortina. Tragedia sugli sci: ragazzino di
10 anni di Mestre muore contro un albero

Sabato 5 Marzo 2011
Andrea Rossato, il ragazzino vittima dell'incidente di Cortina
BELLUNO - Bravissimo e sicuro sugli sci, stava scendendo il raccordo del "canalino" al Pian delle Marmotte a Cortina (Belluno), sotto le Tofane, quando chi era con lui non lo ha pi visto ed scattato l'allarme. Mentre tutti lo cercavano pensando che si fosse smarrito, Andrea Rossato di 10 anni, residente a Mestre (Venezia), era già morto, ucciso dalla montagna.



Si è trattato di un incidente: è uscito di pista finendo la sua corsa contro un albero dove si è schiantato morendo all'istante, nonostante l'attrezzatura in regola e il casco obbligatorio perfettamente allacciato. Andrea stava scendendo la pista insieme ad un gruppetto di cinque, sei coetanei accompagnati da un adulto. Proprio il gruppo, giunto ai piedi della pista, si è accorto che mancava all'appello l'amico. È scattato immediatamente l'allarme; gli addetti alle piste e la polizia in servizio per la sicurezza lungo sotto le Tofane, hanno iniziato a ripercorrere la pista e setacciare i possibili itinerari che il piccolo avrebbe potuto seguire. Ma, con il passare delle ore, le ricerche hanno dato esito negativo, tanto che è scattato anche l'intervento degli uomini del Soccorso alpino.



Proprio quando la macchina dei soccorsi era a pieno regime, il piccolo è stato trovato e il medico, subito giunto sul posto, non ha potuto che constatarne la morte. Alla notizia i genitori, che erano giunti a Cortina per una vacanza, complice la chiusura delle scuole per Carnevale, sono scoppiati in lacrime rimanendo sotto choc. Il corpo del bambino è stato portato a valle e composto nell'obitorio del cimitero di Cortina, quindi è stato restituito ai genitori dopo che il magistrato di turno ha escluso la necessità di ulteriori indagini e dell'autopsia.
Ultimo aggiornamento: 9 Marzo, 16:43