BLOG
Modi e Moda di Luciana Boccardi

Parigi nel blu di Armani - Dior esalta
le donne - Chanel: addio, Karl

 
Il  razionale Giorgio Armani  con  le ultime collezioni  si è tuffato nel colore del relax, quel blu che se lo guardi senti già allontanarsi frenesie e inquietudini. Blu è il colore dei filosofi, del pensiero, è il colore della vita intellettuale lontana da sussulti e brividi. La moda del prossimo inverno – ha decretato Armani con la sua ultima sfilata presentata a Parigi nell’ultima tornata di pret-à porter  - sarà un inno al blu, inteso anche come colore che sdrammatizza il nero. Non a caso infatti il successo del blu nella moda deriva proprio dal ruolo di sostituto del nero profondo che ha sempre offerto l’immagine a ruoli  formali, abbigliamento da cerimonia, abiti importanti che  sempre, nei secoli  esigevano comunque qualcosa di nero.
Blu è più lieve, è calmo e in questa stagione di problemi che sembrano favorire declinazioni agitate arriva come un colore toccasana, una pausa di pace, un invito alla quiete. Calme, luxe et voluptè è l’esortazione di baudelairiana memoria e a questa si orientano le proposte di Armani affidate a interpretazioni che riescono a proporsi con elementi innovativi che però  portano in sè sempre qualcosa di  già vissuto  ma mai vecchio.
Su un piano diverso si  è collocata  Chanel  per la prima volta  in passerella senza il suo cervello pensante, Karl Lagerfeld  che con la sua morte  ha scritto l’indispensabilità di una pagina nuova.  La collezione presentata a Parigi con la firma autorizzata dell’assistente di Lagerfeld , Virginie Vlad, e la carta d’identità che autorizza comunque ancora la paternità della sfilata al Kaiser, è l’ultima pagina scritta da un maestro di stile che ha tenuto banco per più di mezzo secolo nella competizione mondiale. Lagerfeld  è  l’uomo che ha fatto rivincere Chanel quando il marchio soffriva di depressione intorno agli anni  Ottanta, riportandolo alla ribalta vincente della grande moda. Oggi potrebbe venire confermata la continuazione del suo moda-pensiero con la creazione delle nuove collezioni affidata alla persona che lo ha assistito stilisticamente e accompagnato nella ricerca di idee e  dettagli  innovativi, sempre. Sarà uno degli interrogativi delle prossime stagioni.
Diversa, audace, incurante di sollecitazioni alla prudenza, Maria Grazia Chiuri porta la bandiera di Dior nei piani alti della competizione mondiale: e vince. Ormai sembra chiaro che la sua formula gioca nella revisione di momenti storici  legati alla nostra storia recente, alle lotte sociali, al femminismo, all’accettazione delle diversità. Nuove suffragette? No. Donne nuove in grado di affermare il loro ruolo senza più soggezione o timori, arrabbiate ma allegre: vincenti . Dior è diventato con la Chiuri una griffe assolutamente giovane:  una  caratteristica  che risultava mancante nel clichè glorioso della più grande Maison di Francia.
 
 

Venerdì 8 Marzo 2019, 17:27
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
POST
pubblicato ilVenerdì 19 Aprile 2019, 22:20
pubblicato ilVenerdì 12 Aprile 2019, 11:51
pubblicato ilDomenica 7 Aprile 2019, 18:34
pubblicato ilSabato 30 Marzo 2019, 00:56
pubblicato ilLunedì 25 Marzo 2019, 19:50
pubblicato ilSabato 23 Marzo 2019, 21:20
pubblicato ilMartedì 19 Marzo 2019, 00:27
pubblicato ilDomenica 17 Marzo 2019, 00:31
SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU TWITTER