BLOG
Modi e Moda di Luciana Boccardi

I "fiori" di Issey Miyake confermano
l'avanzata di un new-romanticismo

 
Dopo la veemenza del secolo dei lumi che sfociò nella Rivoluzione francese, il movimento romantico  si impose come necessità onirica, come voglia di evasione, di leggerezza con tutte quelle componenti che arte, letteratura, cultura  mettono a disposizione. Dire “Romanticismo”, Foscolo, Schiller, una rosa, una poesia , oggi  anche una mostra di grande interesse, al Museo Poldi Pezzoli di Milano,  un invito a farci apprezzare schegge sognanti  legate all’arte  ma anche al costume che va dalla fine del Settecento al nostro tempo. Anche la moda ha  registrato movimenti  singolari che,  dalla classicità protratta fino alla metà  dell’Ottocento  hanno assunto propaggini che  possiamo riscontrare nella  lettura di modelli  che interpretano  quella voglia di conoscere, di  evadere,  abbandonare il rigore “illuminista”  (anche se ora così male “illuminato” ) per concedersi a un gioco senza fine. Il sogno romantico nasce così’ anche in guardaroba, affidato a elementi che aiutino il viaggio immaginifico che non  si conclude mai, la voglia di cambiare senza tradire ciò che è nel ricordo. Dai languori dei primi decenni del Novecento, alla svagatezza superba di Fortuny,  fino al fluire liquido di abiti senza corsetti di supporto, che scivolano su corpi femminili non più impegnati a nascondersi, la moda è arrivata all’esaltazione pop, alla scoperta della libertà sessuale implicita in alcune fogge osèes  che hanno caratterizzato gli anni Settanta. Fino al nostro tempo in cui  la “libertà” di svestire , la cosiddetta conquista del nudo, ha toccato limiti pesanti che oggi  però  restano residui assolutamente ininfluenti , male interpretati da  esplosioni di falsa libertà : gli estremi alla Gucci, la sciarpa “vulva”di Fendi e subito dopo”  ( forse in omaggio alle pari opportunità?)  ,  come bijou à la page  nel catalogo di accessori moda  Yves Saint Laurent, l’altra metà del cielo, il  “penis “  proposto come  pendentif , un  “walter-nature” con  gancio in metallo dorato da appendere a una collana o a un filo complice.  E’ questa  la moda?  No:  questo è  basso mercato. La moda  invece, per chi sappia leggerla con anticipo, sta dicendo molto di più di quanto  possono lasciar supporre certe volgarità invocate a soccorso di assenza di idee. La moda vera ci sta proponendo in silenzio, quasi in sordina una voglia matta di romanticismo. Ne è prova la bellissima sfilata che Raffaella Curiel  ha dedicato a interpretazioni che ripassano con eleganza estrema  il tempo di Klimt, o il bellissimo,  difficile “delphos”  di Fortuny,  l’abito  che D’Annunzio – raccontando la bellezza che questo modello insolito sapeva infondere a donne d’arte del suo tempo come Eleonora Duse o Isadora Duncan – volle chiamare così perché  ricordava il costume dell’auriga di Delfi : l’ha  ricostruito e proposto per il 2019 , Giuliana Cella. Persino griffes  estreme come Yamamay  cercano conforto in repechages dai toni dolci regalati ai nuovi reggiseni, o ai  pigiami – famiglia , per papà, mamma,bambino, proposti come “acquisto per Natale”, mentre  l’etno-fantasy di Malìparmi  gioca  per il 2019 su proposte fluide affidate a velluti brillanti, a “romantici” soprabiti lunghi  su pantaloni morbidi. C’è voglia di romanticismo? Ditelo con una rosa sembra affermare Issey Miyake  che ha presentato in questi giorni la sua collezione   “Floriography”  dedicata al linguaggio dei fiori da riproporre  -  raccomanda lo stilista giapponese  - anche per comunicare. Un  corsage  floreale è  realizzato nello splendido tessuto plissettato di Miyake.  Fiori e parole :  è il messaggio che il grande stilista affida al  linguaggio dei fiori  piccoli oggetti ,spille, elastici per capelli,  elaborati con la tecnica di riscaldamento del tessuto che consente di riprodurre rose, peonie, camelie nei colori che Miyake considera il top per la sua tavolozza  fin dal lontano 1968 quando debuttò a Parigi con i toni cupi del giallo, del rosa, dell’azzurro, del verde. Scampato al bombardamento fatale di Hyroshima , lo stilista Issey Miyake, oggi ottantenne, continua a progettare bellezza. In questo momento di particolare attenzione per la moda  (…e non solo) in cui  sembra che  la “geometria”  non sia  più un aiuto, e lo stesso “pop” è diventato  “classico”,  ci salverà  forse un rigurgito romantico . Anche raccontato con la “Floriography”  del grande  giapponese.  


 

Sabato 1 Dicembre 2018, 01:01
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
POST
pubblicato ilVenerdì 14 Dicembre 2018, 12:33
pubblicato ilVenerdì 7 Dicembre 2018, 13:16
pubblicato ilLunedì 26 Novembre 2018, 15:15
pubblicato ilVenerdì 16 Novembre 2018, 22:37
pubblicato ilVenerdì 9 Novembre 2018, 14:37
pubblicato ilVenerdì 2 Novembre 2018, 19:11
pubblicato ilSabato 27 Ottobre 2018, 18:14
pubblicato ilVenerdì 19 Ottobre 2018, 19:25
SEGUICI SU FACEBOOK
SEGUICI SU TWITTER