Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€
Luciana Boccardi
MODI E MODA di
Luciana Boccardi

Altaroma dal 18 febbraio: sostenibilità: le "ecosfide"

Sabato 13 Febbraio 2021 di Luciana Boccardi

Ormai è la parola chiave per la presentazione di tutte le manifestazioni organizzate dal mondo della moda ,proposte nella formula digitale ormai divenuta il nuovo linguaggio in uso.  Sostenibilità, eco-pensiero, stanno diventando  l’ingrediente più sfruttato per proposte   non solo legate all’universo dell’abbigliamento ma a ogni aspetto dell’intera produzione. E’ una sfida che i creativi hanno intrapreso come muovo progetto in ossequio alla difesa dall’inquinamento globale . Di sfide ecologiche si occupa non solo la letteratura legata alla produzione  di tessuti, di filati, di machine per la lavorazione . 

Con il termine “Ecosfide”  (che è anche il titolo di un libro   pubblicato  recentemente  dal  giornalista veneziano  Vittorio Pierobon   per  Ediciclo ),  questo  traguardo irrinunciabile   per la difesa del patrimonio  ambientale  trova conferme interessanti come testimonianze raccolte dall’autore  sul filo  dell’eco-pensiero.  Spiega uno dei protagonisti del libro ,  a proposito della difesa da riservare  agli alberi ,  che ad esempio  ai tempi della Repubblica di Venezia  esistevano leggi severissime  a protezione delle querce  il cui legno serviva per la costruzione delle navi veneziane. “Chi fosse stato scoperto a tagliare una quercia doveva subite il taglio della testa  (una pratica che diede il nome  “capitozzare”  in uso anche attuale per il  taglio di una cima d’albero”.

Avanti dunque  ad esempio nel regno dei tessuti  con nuove proposte  “sostenibili”: materiali  frutto di ricerche  per la produzione di  tessuti assolutamente ecologici, realizzati in ossequio alle nuove disposizioni che in tutto il mondo vanno appunto sotto il nome generico di “sostenibilità”.

Di questo e altro si parlerà , in streaming,  puntualizzando ogni immagine , in occasione della presentazione  di Altaroma, la rassegna che si è dimostrata una ribalta per i più giovani e che -  anche con la  sezione  Show case-  presenta nuove proposte, nuovi look, nuove idee firmate da giovani talenti ma anche da griffes  di grande spessore.

Presentata in totale formula streaming ,  AltaRoma  2021 “sfilerà”  dal 18 al 20 febbraio  negli studi di Cineciittà, per la precisione dallo Studio 12, ricordando tanti famosi film che hanno avuto come spazio ospitale questo mitico studio,  dal famoso  Quo Vadis diretto da Mervin LeRoy, a Nine, il musical di Roy Marshall  del  2009.  A presentare la rassegna,  che si svolge sotto la presidenza  di Silvia Venturini Fendi,  il direttore generale , Adirano Franchi  che sottolineerà in particolare l’importanza sempre  più  rilevante di  questa proposta  a lettere maiuscole  che da tempo è inserita autorevolmente nel panorama di manifestazioni dedicate alla moda italiana e internazionale.   

Sarà un tuffo nella  bellezza affidato agli spazi  cari al cinema non solo italiano che conferma come la moda ormai sappia anche essere spettacolo.

E  noi, soprattutto in questi tempi di Pandemia , abbiamo bisogno di “rappresentazione”, di evasione,  di momenti che ci aiutino a immaginare che tutto è come prima, che siamo solo dentro a un  sogno.  La moda ha anche questo compito di sfida alla realtà.  Tutti in streaming, quindi, dal prossimo giovedì  18 febbraio con  “ Altaroma  2021”, da Cinecittà.  

Ultimo aggiornamento: 14-02-2021 17:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA