Rimandato per la terza volta il vertice Onu sulla biodiversità. Pesticidi, inquinamento e plastica tra i temi

Giovedì 19 Agosto 2021
Rimandato per la terza volta il vertice Onu sulla biodiversità. Pesticidi, inquinamento e plastica tra i temi

Il vertice Onu sulla biodiversità viene rimandato per la terza volta a causa della pandemia di coronavirus, la Conferenza rappresenta il più grande vertice sul tema degli ultimi dieci anni e che dovrà indicare gli obiettivi per il prossimo decennio, in programma il prossimo ottobre a Kunming, in Cina. Lo ha annunciato il ministro dell'ecologia e dell'ambiente cinese, secondo quanto riportano vari media. L'evento, inizialmente in agenda ad ottobre 2020, è stato posticipato a maggio 2021 e poi ancora in ottobre 2021. Ora, i negoziati saranno avviati in modo virtuale fra l'11 e il 15 ottobre prossimo per concludersi in una seconda fase «in presenza», vista l'importanza di adottare misure fondamentali per il futuro delle specie animali e vegetali, sempre a Kunming, nella prima metà del 2022, dal 25 aprile all'8 maggio.

Cina, oltre 500 esemplari di focena senza pinne nel lago Poyang: il "cetaceo" è un indicatore ecologico dell' ambiente

Fra gli obiettivi, ci sarebbero tra l'altro il taglio di due terzi dei pesticidi, l'eliminazione dell'inquinamento da plastica e proteggere il 30% della terra e dei mari del Pianeta. In occasione del primo vertice mondiale dedicato alla biodiversità ospitato dalla 75ma Assemblea Generale dell’ONU del 30 settembre 2020. Gli alti funzionari di quasi 100 paesi e organizzazioni internazionali avevano sostenuto che la pandemia avrebbe sovuto rappresentare un’occasione unica per frenare l’allarmante declino della biodiversità ambientale ponendo quest’ultima al centro delle strategie nazionali di ripresa economica.

Laghetto del Sorapis: un video per diffondere la sensibilità per l'ambiente

 

Ultimo aggiornamento: 20 Agosto, 10:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA