Allarme incendio, studiate le reazioni di 400 bambini

PORDENONE - (vs) Spaventare quasi 400 bambini, per studiarne reazioni e comportamenti in caso di incendio, in un luogo pubblico come un teatro. Era questo l'obiettivo dell'allarme seguito da evacuazione che ha coinvolto ieri gli allievi tra gli 8 e i 10 anni di alcune classi cittadine (un paio di Conegliano e Treviso). Le loro reazioni diventeranno materia di analisi scientifica a uso di architetti, ingegneri e operatori della sicurezza chiamati a migliorare i criteri di progettazione degli spazi pubblici. I bambini erano seduti in platea al Verdi per assistere a uno spettacolo. Una volta calate le luci si sono sentiti dire: "Attenzione rilevamento incendio, evacuare il locale". Maschere, docenti e allievi, che non sapevano si trattasse di un'esercitazione, in pochi minuti hanno raccolto giacche e zainetti, e in un clima di sufficiente calma sono usciti dal teatro. Per la prima volta l'evacuazione - organizzata dai vigili del fuoco e dalla direzione del Teatro - è stata filmata da una decina di telecamere nascoste. Le immagini saranno utilizzate dagli studiosi dello Iauv di Venezia, dell'università di Udine (e Scienze multimediali di Pordenone) e della University of Ulster (distaccamento di Belfast) specializzata nello studio dei comportamenti umani. Ad allarme rientrato è stato fornito un questionario agli insegnanti. «Gli allievi sono abituati alle evacuazioni a scuola. Volevamo verificare se erano in grado di replicarle in un luogo nuovo» spiega Stefano Grimaz dell'Università di Udine. Il test ha avuto esito positivo, ha sottolineato il presidente del Teatro, Giovanni Lessio, «e dimostra che 20 anni di formazione nelle scuole hanno dato i loro frutti» hanno aggiunto Doriano Minisini e Stefano Zanut del comando provinciale dei vigili del fuoco durante la conferenza stampa seguita alla prova.
© riproduzione riservata

Mercoledì 11 Febbraio 2015, 04:41






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Allarme incendio, studiate le reazioni di 400 bambini
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER