Veneto Banca, il cda fissa le azioni
a 7,3 euro: meno 76% in una notte

PER APPROFONDIRE: azioni, borsa, cda, montebelluna, recesso
Veneto Banca,  il cda fissa le azioni  ​a 7,3 euro: meno 76%  in una notte
MONTEBELLUNA - Il cda di Veneto Banca ha fissato il valore unitario di liquidazione delle azioni ordinarie della banca in 7 euro e 30 centesimi. La decisione - comunicata dall'istituto trevigiano nella tarda serata di mercoledì - è arrivata dopo una lunghissima e sofferta riunione, iniziata alle 10 del mattino e conclusasi solo dopo le 23. Fino a ieri le azioni dell'istituto di Montebelluna valevano 30 euro e 50 centesimi (fino allo scorso aprile 39 euro e 50 cent). In una notte le azioni hanno perso il 76% del valore. Un crollo deciso, che rappresenta però solo un valore teorico anche se potrebbe fare da riferimento alla futuro quotazione in Borsa prevista per la primavera 2016.

Questo il comunicato diramato mercoledì sera dall'istituto: "Il consiglio di amministrazione di Veneto Banca, riunito sotto la presidenza di Pierluigi Bolla in vista della prossima assemblea, nella quale i soci saranno chiamati a pronunciarsi in merito alla proposta di trasformazione dell'istituto in società per azioni e al conferimento della delega al cda per un aumento di capitale da offrirsi ai soci per un miliardo di euro, ha assunto alcune deliberazioni relative in particolare al valore di liquidazione delle azioni e alle limitazioni di rimborso «ai fini dell' esercizio del diritto di recesso dei soci che non concorreranno alla deliberazione di trasformazione in società per azioni. Il cda ha quindi deliberato in 7,3 euro il valore unitario di liquidazione delle azioni ordinarie della banca e la limitazione in tutto e senza limiti di tempo del rimborso delle azioni con fondi propri della banca".

Giovedì 3 Dicembre 2015, 11:09






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Veneto Banca, il cda fissa le azioni
a 7,3 euro: meno 76% in una notte
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2015-12-06 18:55:28
Il curioso, è che "la gente" va a comprare le azioni quando salgono, e va a venderle quando sono scese. Il comportamento razionale sarebbe l'opposto, e taglierebbe le unghie al CdA.
2015-12-03 15:04:01
Chi aveva 100 e ora si accorge di avere 15 come credete reagirá ? Magari qualcuno penserá anche al suicidio perchè vedra andare in fumo decenni del suo risparmio . Sono sicuro, però, che qualche dirigente verrá superpremiato lo stesso e tutto " nel rispetto della legge" : ma quale legge mi chiedo ??
2015-12-03 14:38:36
Sì, è proprio così. Anzi, era così. Ora le Banche diventano Spa e le azioni diventano liberamente scambiabili sul Mercato, e il Mercato attribuirà il loro valore. Anche secondo me, sulle Banche (cattivone! o custodi dei nostri sacrifici! o finanziate l'edilizia!) ci hanno marciato tanti politici (vedi il sig. Tremonti), con toni di facile presa sul popolo ignorante, anzi, allocco. Ma il Mercato è spietato.
2015-12-03 14:31:13
Volete fare un buon investimento ? Andate in Banca, fatevi consigliare e procedete con l'esatto contrario !!!
2015-12-03 14:03:46
Infatti non le pagheranno quella cifra. hanno già dichiarato che i soldi NON CI SONO. è un'operazione di facciata. la realtà è ben peggiore.