Padova. Infermiere violenta una tirocinante in ospedale, la protesta degli studenti. La rettrice: «Atto vigliacco, serve cambiamento culturale»

Lunedì 4 Dicembre 2023
Video

PADOVA - Un sit-in al Policlinico dopo la violenza sessuale pluriaggravata di un infermiere ad una tirocinante. Questo pomeriggio, 4 dicembre, alla vigilia del funerale della vittima di femminicidio Giulia Cecchettin, gli universitari hanno protestato contro quello che poteva essere l'ennesimo stupro. Venerdì notte infatti una studentessa tirocinante è scappata da un infermiere che ha tentato di violentarla.

Le studentesse tengono la bocca chiusa con del nastro adesivo, su cui c'è scritto: "ma come eri vestita?", "è un tuo superiore", "te la sei cercata". Frasi che sminuiscono la gravità dell'ennesimo caso di molestie in un luogo di lavoro. «Anche in questo caso si tratta di una questione del potere dell'uomo che ritiene di poter fare del corpo della donna quello che gli pare», spiega Emma Ruzzon, presidente del consiglio degli studenti con Udu Padova.

«La solidarietà mia e di tutta la comunità accademica va alla nostra studentessa vittima di un tentativo di violenza sessuale all’interno di un luogo che tutti noi vorremmo poter pensare sicuro – afferma Daniela Mapelli, rettrice dell’Università di Padova –.

Un altro atto violento e vigliacco ai danni di una donna, un fatto che ci sconvolge. L’Università di Padova è da sempre coinvolta in politiche attive contro la violenza di genere, ma è evidente che serve un cambiamento culturale da parte dell’intera società per combattere comportamenti ancora, al giorno d’oggi, troppo radicati e ricorrenti».(video di Marco Miazzo)

Ultimo aggiornamento: 18:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci