Champions League, approvato il nuovo format: mini-campionato da 8 giornate e 36 squadre

Martedì 10 Maggio 2022
Champions League, approvato il nuovo format: mini-campionato da 8 giornate e 36 squadre

La Champions League cambia dalla stagione 2024-2025Mantenuto il punto fermo di proporre più partite a sponsor e televisioni, l'Esecutivo dell'Uefa ha dato il via libera al nuovo format a 36 squadre (ora sono 32) ma ha dovuto fare marcia indietro sul numero di match che ogni formazione giocherà nella "stagione regolare", vero e proprio "campionato" con tutte le squadre in gara. Ognuna di loro ne giocherà otto, quattro in casa e altrettante fuori, anziché dieci come indicato nel programma iniziale. Un mini-aumento, quindi, rispetto alle sei che ora ogni club disputa nella fase a gironi, ma anche un passo indietro nel nuovo progetto resosi necessario, dopo le proteste delle varie leghe dei principali tornei, per non togliere troppo spazio ai campionati nazionali. E sempre a questo proposito, è da sottolineare il fatto che l'Uefa ha tenuto a specificare che «tutte le partite prima della finale si giocheranno sempre a metà settimana, riconoscendo l'importanza dei calendari nazionali in tutta Europa». La formula prevede anche che le prime otto classificate nella «fase campionato» si qualificheranno per quella a eliminazione diretta, mentre le squadre dal nono al 24° posto si sfideranno in spareggi in due partite per approdare agli ottavi di finale.

I nuovi criteri

Definiti anche i criteri per assegnare i quatto posti in più nella competizione. Uno andrà al paese che si classificherà al terzo posto nel campionato del paese che, in quel momento, sarà quinto nel ranking Uefa (oggi toccherebbe alla Francia), un altro andrà invece al club campione di un paese che attualmente non ha posti garantiti. Gli altri due saranno invece assegnati in base non al ranking "storico" ma a quello della stagione precedente ovvero, come spiega l'Uefa, «alle federazioni che hanno ottenuto il miglior risultato collettivo nella stagione precedente (numero totale di punti diviso numero di squadre partecipanti). Utilizzando ad esempio la stagione in corso, le due federazioni che avrebbero un posto in più in Champions League in base ai risultati collettivi dei loro club sarebbero Inghilterra e Olanda». Detto che anche Europa League e Conference League diventeranno a 36 squadre, il nuovo format secondo il presidente dell'Uefa Aleksander Ceferin «migliorerà l'equilibrio competitivo e genererà ricavi sostanziosi da distribuire alle società, alle leghe e al calcio di base in tutto il continente, aumentando l'attrattiva e la popolarità delle nostre competizioni per club». «Oggi la Uefa - continua il presidente -ha dimostrato chiaramente di impegnarsi al massimo per rispettare i valori fondamentali dello sport e difendere del principio di apertura delle competizioni, con qualificazioni basate sul merito sportivo, in linea con i valori e il modello sportivo europeo basato sulla solidarietà». Ed è bene anche ribadire che «le decisioni di oggi concludono un lungo processo di consultazione durante il quale abbiamo ascoltato le idee di tifosi, giocatori, allenatori, federazioni, club e leghe». Come dire che tutto è stato fatto alla luce del sole, altro che Superlega.

 

Ultimo aggiornamento: 18:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci