Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Padel, boom di infortuni. I medici: «Attenti, non è un gioco». E le donne rischiano più degli uomini

Mercoledì 6 Luglio 2022 di Graziella Melina
Padel, boom di infortuni. I medici: «Attenti, non è un gioco». E le donne rischiano più degli uomini

Per i patiti del padel, il divertimento improvvisato, senza allenamento, può costare caro. Da quando il gioco con le racchette senza corde ha preso piede anche in Italia, negli studi degli ortopedici di pazienti infortunati dopo una partitella tra amici ne arrivano parecchi. «Stiamo assistendo sempre più a numerose rotture e lesioni del tendine di Achille, oltre a strappi e lesioni muscolari del polpaccio - spiega l'ortopedico e traumatologo Andrea Grasso, che con Consulcesi Club si occupa di formazione per medici e operatori sanitari - A livello informale di ambulatorio, negli ultimi anni è lo sport in assoluto che porta più pazienti in ambulatorio».

Fitness, smania di attività sportiva dopo la pandemia: ma attenti al fai da te: ecco le regole per un buon allenamento


NUMERI DA CAPOGIRO
E il problema non è da sottovalutare, visto il gran numero di appassionati del gioco nato negli anni 70 in Messico: secondo i dati del 2021 dell'Osservatorio sul padel, nel giro di un anno i campi sono infatti aumentati del 155% (da 1.832 a 4.669). «La differenza principale del padel rispetto al tennis sono le rotazioni - spiega Ezio Adriani, direttore di Traumatologia dello sport e Chirurgia del ginocchio del policlinico Gemelli di Roma - Giocando, viene sollecitato molto il ginocchio, tanto è vero che vediamo diverse lesioni del crociato anteriore. A rendere ancora più rischioso il gioco a 4, è lo spazio ristretto del campo, per cui è sempre possibile il trauma da contatto». Eppure, chi pratica il padel sembra non badare troppo ai rischi. «Visto che tecnicamente è più facile rispetto al tennis - sottolinea Adriani - spesso si gioca impreparati. Non dimentichiamo poi che un 70 per cento dei pazienti operati di crociato per padel sono donne». Ma non è solo per un problema di impreparazione. «Si tratta di una caratteristica fisica - assicura Adriani - Le donne sono più predisposte alle lesioni del crociato perché il bacino è un po' più largo e il ginocchio un po' più valgo. Questi infortuni, infatti, avvengono anche nel calcio femminile. Da un anno ormai li stiamo osservando anche nel padel».

 


NON SOLO STRETCHING
Per evitare di ritrovarsi acciaccati, bisogna avere una buona preparazione atletica; ma non basta qualche minuto di stretching prima della partita. «Il grande problema è che si tratta di uno sport ad alta velocità rispetto al tennis e spesso viene praticato da chi non ha un adeguato allenamento - ribadisce Fabrizio Cortese, vicepresidente di Otodi (la Società degli ortopedici e traumatologi ospedalieri d'Italia) - Di solito, replicando con il movimento alto della testa, sia della battuta che del diritto, molti giocatori hanno problemi a livello dell'articolazione della spalla, oppure tendiniti a causa dell'uso eccessivo di alcuni muscoli. Stiamo osservando anche numerosi distorsioni di caviglia, dovuti ai rapidi cambi di direzione».
Se però ormai il danno è fatto e ci si ritrova con una distorsione della caviglia, bisogna prima di tutto applicare un impacco freddo. «Ma non per più di 5-10 minuti - avverte Cortese - altrimenti si rischia un'ustione da ghiaccio. Poi, se si riescono a fare 3-4 passi, allora si può aspettare un po' per vedere se la caviglia si sgonfia. Se invece non si riesce proprio a camminare, una radiografia diventa d'obbligo».


RECUPERO ADEGUATO
Cautela anche per il gomito. «Se fa male bisogna fermarsi. Se c'è un trauma va valutato caso per caso; il gomito spesso è causa di tendiniti, quindi di un problema che insorge non in maniera traumatica, ma piano piano e poi va a peggiorare. Il classico errore dello sportivo, in generale - mette in guardia Cortese - è quello di continuare a giocare senza fermarsi per il recupero muscolare. È un comportamento che può portare a una cronicizzazione che poi richiede trattamenti ulteriori. Se il dolore non passa, il consiglio è di rivolgersi a un ortopedico».

Ultimo aggiornamento: 7 Luglio, 09:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci