Mondiali di nuoto, il Setterosa battuto in semifinale: ora la sfida all'Australia per il bronzo

Altra delusione per la pallanuoto italiana, dopo l'eliminazione del Settebello ai quarti di finale

Mercoledì 26 Luglio 2023 di Piero Mei
Mondiali di nuoto, il Setterosa battuto in semifinale: ora la sfida all'Australia per il bronzo

«Andiamoci a prendere questa medaglia», è l’appiglio cui si agganciano coach Silipo e le ragazze del Setterosa. È una possibile consolazione, bella ma sempre consolazione per il sogno svanito, perché la medaglia, se arriverà, sarà di bronzo, e il pass immediato per Parigi 2024 è sfumato.

La semifinale del torneo di pallanuoto femminile l’ha vinta l’Olanda, 9-8, uno svantaggio minimo per l’Italia ma uno svantaggio: il Setterosa è stato in vantaggio solo all’inizio, quando Giustini ha siglato l’1 a 0; poi c’è stato il break dell’Olanda, che difatti ha chiuso il primo quarto sul 4 a 2 ed ha allungato ancora all’inizio del secondo, 5 a 2 e tre gol da risalire.

Mondiali nuoto, cade dopo 14 anni record 200 stile libero della Pellegrini: O' Callaghan nuova regina

«Abbiamo preso due reti che non dovevamo: una loro controfuga dopo una nostra superiorità numerica non sfruttata e una verticale con l’attaccante loro solo davanti alla porta. Succede» ha detto Silipo. Né in lui né nelle ragazze c’è rammarico: hanno giocato bene, prese le misure, sono arrivate ad un solo gol di distacco; potevano pareggiare. Hanno dato tutto e di più: c’è rammarico, dunque; ma più ancora c’è delusione, questo sì, perché è come se stessero per salire sull’aereo per Parigi, passato il check in contro gli Stati Uniti e ti annullassero il volo. «È la vita di uno sportivo - continua il coach - e venerdì dovremo pensare solo alla medaglia».

 

«Siamo state cattive, ma forse loro avevano più fame di noi» dice Marletta, la Capitana; e Galardi, che è stata la migliore delle azzurre, dice che potrebbe essere personalmente soddisfatta, per i due gol e per il resto, ma che le sono capitati due palloni in mano e non ha segnato. Ne bastava uno per giocarsela magari ai rigori. I parziali sono stati, per l’Italia, di 2-4, 3-2, 2-2,1-1; le superiorità numeriche 13 per l’Olanda, 5 sfruttate, e 12 per l’Italia, 4 sfruttate; un rigore a testa segnato. Un po’ tutto pari, come si vede, tutto meno un gol. Che è quello che manda l’Olanda alle Olimpiadi ed alla partita d’oro contro la Spagna, mentre il Setterosa, con il bronzo nel mirino, ci sarà l’Australia, che le spagnole hanno sconfitto 12 a 10.

© RIPRODUZIONE RISERVATA