Vaccino Covid, Burioni: «Pfizer spieghi i ritardi, la fiducia si basa sulla trasparenza»

Mercoledì 20 Gennaio 2021
Vaccino Covid, Burioni: «Pfizer spieghi i ritardi, la fiducia si basa sulla trasparenza»
2

Il virologo Roberto Burioni ha «stigmatizzato»​ il silenzio di Pfizer sulle forniture dei vaccini contro il coronavirus. Una dichiarazione che arriva alla luce dei ritardi - comunicati dal colosso Usa solo la scorsa settimana - sulle dosi in arrivo ai Paesi Ue, fra cui l'Italia. «Una comunicazione trasparente è alla base della fiducia che i pazienti devono avere non solo nei confronti di chi prescrive le medicine, ma anche di chi le produce», queste sono state le parole di Burioni. Che poi ha aggiunto: «Sull'argomento non ho nulla da dire se non stigmatizzare il silenzio di Pfizer che dovrebbe spiegare in maniera dettagliata e convincente le motivazioni del ritardo». Un ritardo che potrebbe compromettere la seconda fase vaccinale per gli italiani che già hanno ricevuto la prima dose del vaccino anti Covid: un numero di persone che si aggira intorno alle 54.000, secondo le tabelle elaborate dallo staff del commissario per l'emergenza coronavirus Domenico Arcuri. Si tratta di dati che sono stati discussi ieri sera nella riunione fra le Regioni e il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia (Affari regionali) e il ministro della Salute Roberto Speranza, da cui è emersa la volontà comune di azioni legali contro «la decisione unilaterale» di Pfizer.

 

Ultimo aggiornamento: 16:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA