Vaccini, la rincorsa della Cina all'immunità di gregge: uova e buoni spesa per convincere gli scettici

Domenica 4 Aprile 2021 di Michele Galvani
Vaccini, la rincorsa della Cina: uova e buoni spesa per convincere gli scettici e volare verso l'immunità di gregge

La Cina e i vaccini: uno strano caso. Incentivi di ogni tipo, lunghe file, in troppi convinti che il Covid sia praticamente alle spalle. E così è boom di manifesti che pubblicizzano la campagna di vaccinazione: per incoraggiare più anziani a ricevere il vaccino, l'ufficio del sottodistretto di Beixianqiao ha persino annunciato una ricompensa di due scatole di uova a tutti coloro che hanno superato i 60 anni e che hanno ricevuto una seconda dose.

Dalla pressione dell'opinione pubblica ai buoni per lo shopping, le autorità cinesi stanno facendo tutto il possibile per convincere le persone a farsi vaccinare. Dopo aver fissato l'obiettivo di vaccinare il 40% della sua popolazione di 1,4 miliardi di persone entro la fine di giugno, la Cina adesso ha un compito impegnativo davanti a sé. I funzionari locali sono sottoposti a forti pressioni per accelerare le vaccinazioni, ma poiché la Cina ha avuto così tanto successo nell'eliminare la trasmissione della comunità, molte persone sono indifferenti all'idea di ricevere la dose. Proprio il Paese dove ha avuto origine la pandemia, partendo da Wuhan, ora frena sul vaccino. 

Covid, Italia pronta per nuove pandemie. Draghi firma il trattato internazionale per la difesa sanitaria

La Cina è in ritardo rispetto a molti paesi sviluppati nella costruzione dell'immunità di gregge, nonostante sia stata la prima grande economia a riprendersi dall'impatto del virus. L'economia è cresciuta del 2,3% nel 2020 dopo che la pandemia ha devastato il Paese nella prima parte dell'anno. Il tasso di vaccinazione della Cina era inferiore a 8 dosi somministrate per 100 persone entro la fine di marzo, molto al di sotto di 44 negli Stati Uniti e 50 in Gran Bretagna, secondo Our World in Data. Il ritmo lento non solo limiterà la velocità con cui la Cina, che ospita le Olimpiadi invernali del 2022, potrà riaccogliere i viaggiatori, ma esporrà anche la seconda economia del mondo al rischio di nuove epidemie e lockdown ripetuti.

Covid in Cina, 6 casi a Ruili (210mila abitanti): lockdown totale per una settimana

Le storie

A circa 20 km a sud di dove Wang aspettava in fila, un altoparlante davanti a un supermercato nella città di Jiugong ha annunciato buoni spesa gratuiti tramite un'app per i residenti immunizzati, mentre i volantini pubblicizzavano bus navetta gratuiti per i centri di vaccinazione. Il distretto di Daxing, dove si trova Jiugong, distribuirà buoni alimentari per un valore di 200 milioni di yuan (30,4 milioni di dollari) ai residenti locali che completeranno i loro percorsi di vaccinazione.

 

Il distretto di Pechino (1,8 milioni di persone), che ha sofferto per mesi i lockdown fino all'inizio di febbraio, ha annunciato sabato che l'80% dei suoi residenti aveva ricevuto almeno una dose, il che significa che ha quasi raggiunto l'immunità di gregge. A livello nazionale, il ritmo delle vaccinazioni sta accelerando. La Cina ha somministrato altri 36,98 milioni di dosi in soli otto giorni tra il 24 e il 31 marzo, quasi la metà del numero totale di iniezioni effettuate nei tre mesi precedenti, secondo la National Health Commission. «La campagna di vaccinazione in Cina ha subito una forte accelerazione nell'ultima settimana», hanno scritto giovedì in una nota gli analisti di Capital Economics. «Su base pro capite, la Cina segue le economie sviluppate che hanno subito gravi epidemie, ma sta superando il resto dell'Asia emergente».

Covid, studio Oms sull'origine del virus: «Servono ulteriori indagini». Usa ed Europa: Cina non ha fornito tutti i dati

Questo ritmo accelerato della vaccinazione cosa significa? Significa che la Cina potrebbe «raggiungere l'immunità di gregge più velocemente di quanto previsto», ha detto in una nota alla fine del mese scorso Ernan Cui, analista cinese presso la società di ricerca Gavekal Dragonomics. L'ambiziosa campagna di vaccinazione della Cina potrebbe consentirle di raggiungere un tasso di crescita economica del 9,3% quest'anno, ha fatto sapere l'Oxford Economics.

La Cina tra l'altro ha lanciato i certificati sanitari digitali per i viaggi all'estero (potrebbero essere utilizzati come passaporto vaccinale). Nel frattempo però, le incentivazione per la vaccinazione a Pechino non sono prive di problemi. Alcuni residenti si sono lamentati della lentezza nell'ottenere premi come le uova, mentre le condizioni per utilizzare i buoni alimentari a Daxing variano a seconda delle catene di supermercati partecipanti. Dettagli. Forse.

Covid, l'origine del virus secondo l'Oms: «Molto probabile sia passato da animale a uomo»

Ultimo aggiornamento: 10:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA