Covid in Cina, 6 casi a Ruili (210mila abitanti): lockdown totale per una settimana

Mercoledì 31 Marzo 2021
Covid in Cina, 6 casi a Ruili (200mila abitanti): lockdown totale per una settimana

La Cina, con il Covid, usa sempre la mano pesante. Le autorità della provincia cinese dello Yunnan hanno imposto il lockdown a Ruili, città di oltre 210mila abitanti situata al confine con il Myanmar dove sono stati registrati sei casi di Covid-19. Tre dei contagiati, sottolineano i media locali, sono asintomatici e cittadini dello Stato del sud-est asiatico teatro di un golpe militare a inizio febbraio.

Covid, Oms: «A Wuhan maxi diffusione del virus a dicembre 2019, c'erano già 13 varianti»

Covid, studio Oms sull'origine del virus: «Servono ulteriori indagini». Usa ed Europa: Cina non ha fornito tutti i dati

Le autorità sanitarie dello Yunnan, annunciando la chiusura della città, hanno minacciato di usare il pugno di ferro contro gli attraversamenti illegali del confine, sebbene non abbiano collegato direttamente i casi con i movimenti dal Myanmar. Il lockdown durerà una settimana e tutti gli abitanti saranno sottoposti a tampone. Sarà possibile lasciare la propria abitazione solo per «motivi speciali» e solo un membro di ciascuna famiglia potrà uscire per acquistare quanto necessario.

Covid in Cina, a Wuhan è partito il primo treno turistico del 2021: a bordo 900 persone, tour di due giorni

«Covid nato da una malattia mortale nei maiali»: il nuovo studio mette in discussione l'origine del virus

 

 

Ultimo aggiornamento: 11:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci