Covid, scoperto in Cina virus simile al 94.5% a Sars-CoV-2. «Trovate quattro varianti nei pipistrelli»

Sabato 13 Marzo 2021 di Alessio Esposito
Covid, scoperto in Cina nuovo virus simile a Sars-CoV-2. «Trovate quattro varianti nei pipistrelli»

Un nuovo virus, «simile al 94.5% con Sars-CoV-2», è stato scoperto in Cina. I ricercatori della Shandong First Medical University e della Shandong Academy of Medical Sciences di Taian hanno trovato il nuovo ceppo virale in un pipistrello presente nella regione. Secondo gli scienziati il nuovo virus, chiamato RpYN06, condivide gran parte del patrimonio genetico di Sars-CoV-2: il pericolo - come sottolineato più volte anche dall'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) - è che possa verificarsi un nuovo «salto di specie» da una delle numerose varianti presenti in specie animali come, appunto, il pipistrello. 

Covid, ricerca scientifica: indossare la mascherina fa crollare il tasso di mortalità dell'1,9%

 

Gli scienziati dello Shandong hanno esaminato 411 campioni raccolti da 23 specie di pipistrelli nella provincia dello Yunnan, in Cina, durante il 2019 e il 2020, e hanno trovato quattro virus correlati al nuovo coronavirus. «Oltre a RpYN06 - affermano gli autori nell'articolo - gli altri tre coronavirus correlati a Sars-CoV-2 erano quasi identici in sequenza». Gli scienziati, guidati da Weifeng Shi, aggiungono: «I parenti di Sars-CoV-2 circolano nelle specie selvatiche in un'ampia regione geografica del sud-est asiatico e della Cina meridionale». Queste scoperte «evidenziano la notevole diversità dei virus dei pipistrelli» e richiedono «ulteriori sforzi di sorveglianza, che coprano una gamma più ampia di animali selvatici in questa regione per aiutare a monitorare le continue fuoriuscite di virus dagli animali agli esseri umani».

Ultimo aggiornamento: 12:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA