Roma, sull'Aurelia la curva della morte: un'altra vittima sulle strade

Martedì 29 Giugno 2021 di Emanuele Rossi
Roma, sull'Aurelia la curva della morte: un'altra vittima sulle strade

Prima l'impatto laterale con la Toyota Yaris, poi quello ancora più violento con una jeep Daihatsu. Ed è forse questo secondo scontro frontale che a Ladispoli è costato la vita a Bruno Pietrangeli, 58enne del posto, morto ieri intorno alle 10 sull'Aurelia a poca distanza da quella che gli abitanti avevano già battezzato curva della morte, in passato teatro di sciagure. Altri tre sono i feriti, tra cui due giovani romani in modo gravissimo, T.C. e S.A., di 20 e 25 anni trasportati in eliambulanza al Policlinico Gemelli. Miracolosamente illesa la donna che guidava la Toyota. Bilancio davvero drammatico in questi giorni sul litorale nord. Sabato scorso nel tardo pomeriggio era deceduto in sella alla sua moto il 48enne Amerigo Lipizzi sulla via Doganale di Cerveteri, altra strada pericolosa. Nell'ultimo fine settimana sono salite a quattro le vittime sulla strada. Ieri l'ultima: Aurelia, al chilometro 35,7 in prossimità dello stadio di Marina San Nicola.

Roma, morto motociclista: incidente nella galleria Giovanni XXIII, il traffico va in tilt

La dinamica dell'incidente

I medici intervenuti in ambulanza non hanno potuto far altro che constatare il decesso di Pietrangeli. La squadra 26A dei vigili del fuoco di Cerenova ha lavorato per liberare il corpo dei giovani incastrati tra le lamiere dell'abitacolo e affidarli alle cure dei sanitari. Sul posto i carabinieri della stazione locale di Ladispoli per i rilievi e i vigili urbani di viale Mediterraneo per gestire la viabilità in tilt per ore con gli automobilisti costretti a tornare indietro e ripiegare sulla A-12 fino alle 13.30, ora in cui la circolazione è tornata regolare. Nella prima ricostruzione dei militari la dinamica è apparsa abbastanza chiara. La vittima con la sua Nissan stava viaggiando verso Civitavecchia quando dopo il curvone, per cause ancora di accertamento, ha prima impattato la fiancata della Toyota, che procedeva verso Roma e successivamente è andato contro la jeep. Sull'Aurelia è atterrata la prima eliambulanza, la seconda è scesa su di un campo sterrato. I ventenni feriti sono arrivati in ospedale in codice rosso e restano in prognosi riservata. Sulla salma il magistrato della procura di Civitavecchia ha disposto l'autopsia.

Non si può escludere al momento la pista del malore, oltre alla disattenzione fatale. I veicoli coinvolti nell'incidente sono stati posti sotto sequestro dai carabinieri coordinati dal comandante, Umberto Polizzi. Il 58enne aveva diverse passioni, tra cui quella del calcio e del tifo per la Roma. Lascia una compagna, con la quale ha avuto un passato burrascoso essendo lui stesso vittima di alcune aggressioni della donna con tanto di procedimenti penali. Torna prepotentemente alla ribalta il tema della sicurezza sull'Aurelia a Ladispoli. Tanti, troppi incidenti mortali nel corso degli anni in quel punto ma anche sul rettilineo tra Palo Laziale ed Osteria Nova.

I pericoli 

Diversi incroci preoccupano tantissimo residenti ed automobilisti. Uno è quello per svoltare ai Monteroni, ma soprattutto per l'Olmetto al chilometro 36. Chi vive in quella frazione e procede verso la Capitale spesso attraversa la doppia striscia continua piuttosto che percorrere un chilometro in più e fare dietrofront. Un problema mai affrontato nonostante le segnalazioni dei cittadini. A Cerveteri riflettori puntati di nuovo sulla Doganale. Due gravi schianti nell'ultima settimana, quello di sabato ha portato alla morte del centauro finito contro una Golf. Nel precedente un ragazzo in scooter era stato travolto da un pirata poi rintracciato dai carabinieri.

 

 

Ultimo aggiornamento: 20:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA