Michele Merlo, ematomi sulle gambe un mese prima della morte: «Poteva essere salvato?» L'indagine si sposta in Veneto

Venerdì 19 Novembre 2021
Michele Merlo, ematomi sulle gambe un mese prima della morte: «Poteva essere salvato?» L'indagine si sposta in Veneto

VICENZA - Sarà la Procura di Vicenza ora a far luce sulla morte del cantautore 28enne bassanese Michele Merlo. Il fascicolo da Bologna si trasferisce nel capoluogo berico, perchè, secondo gli ultimi accertamenti dei periti, non emergono responsabilità in capo ai medici emiliani che avevano avuto in cura fino al decesso l'ex concorrente di X Factor e Amici arrivato in condizioni critiche all'ospedale Maggiore di Bologna il 2 giugno scorso. Michele morì qualche giorno dopo, il 6 giugno, per un'ischemia cerebrale causata da una leucemia fulminante. Prima del peggioramento che lo ha portato alla morte, il giovane artista, nel mese di maggio, si era rivolto ad alcuni medici vicentini e padovani, a Rosà e a Cittadella, per far luce sugli ematomi che presentava su una gamba, accompagnati anche da altri sanguinamenti.

 

Una condizione che continuava a peggiorare, anche visivamente, e lo aveva spinto a chiedere un parere medico, sul quale ora di dovrà far luce. In sostanza, se a Bologna, secondo i riscontri dell'autopsia, non si poteva fare più nulla per evitare il tragico esito della vicenda di Merlo, qualcosa avrebbe potuto essere visto prima dai medici che in Veneto avevano visitato il ragazzo. Su questo sviluppo si è espresso l'avvocato della famiglia Merlo, Marco Dal Ben: «Michele - spiega il legale - presentava un ematoma diffuso sulla gamba che non era certo riconducibile ad una botta, vista la dimensione. Ora attenderemo di capire il da farsi». «I genitori non cercano colpevoli - conclude Dal Ben - vogliono solo la verità su quanto accaduto». Il fascicolo arrivato a Vicenza, con l'ipotesi di omicidio colposo, rimane per ora a carico di ignoti. 

Ultimo aggiornamento: 20 Novembre, 11:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA