Ultrà picchiato e finito in coma, assolti in appello i poliziotti: nessuna prova

PER APPROFONDIRE: appello, assolti, picchiato, poliziotti, ultrà, verona
Ultrà picchiato e finito in coma, assolti in appello i poliziotti: nessuna prova
VERONA  - La corte d'appello di Venezia ha assolto gli agenti di Polizia a processo con l'accusa di aver procurato le lesioni che hanno reso invalido al 100% Paolo Scaroni, ultras del Brescia gravemente ferito durante una carica del reparto Mobile della Questura di Bologna nel settembre 2005 alla stazione di Verona dopo la partita tra Verona e Brescia. Scaroni rimase in coma diversi mesi e lo Stato lo ha risarcito con un milione e 400 mila euro. Il sostituto procuratore generale aveva chiesto la condanna a sette anni, ma la Corte ha assolto gli agenti per insufficienza di prove. Già la sentenza di primo grado, pur stabilendo che le lesioni erano state riportate dalla carica della Polizia, non era stato in grado di stabilire con certezza se a sferrare i colpi con il manganello impugnato al contrario fossero stati realmente gli agenti a processo. Così anche in appello.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 25 Giugno 2019, 20:02






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Ultrà picchiato e finito in coma, assolti in appello i poliziotti: nessuna prova
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-06-26 13:46:57
nell'articolo perchè non dite anche per quale motivo la polizia ha fatto la carica? e che cosa stavano facendo gli Ultras in quel momento?