Lunedì 30 Settembre 2019, 08:41

Luca Coletto: «Rinuncio al vitalizio e ritorno a fare il mio mestiere: il geometra»

PER APPROFONDIRE: luca coletto, politica, rinuncia, vitalizio
Luca Coletto: «Rinuncio al vitalizio e ritorno a fare il mio mestiere: il geometra»

di Angela Pederiva

Luca Coletto, alla pari di Alessandra Moretti, ha definitivamente rinunciato al trattamento indennitario differito, meglio noto come vitalizio. I decreti che danno conto della restituzione dei contributi versati dai due ex consiglieri regionali sono stati pubblicati sul Bur di venerdì, ma mentre la dem è stata eletta al Parlamento europeo, il leghista è uscito dal Governo italiano: dopo 281 giorni da sottosegretario alla Salute, il 58enne è rientrato in Veneto senza paracadute. «Di cosa vivrò adesso? Torno a fare il geometra», annuncia il veronese, non escludendo però la possibilità nel 2020 di ricandidarsi in Regione, dov'è stato assessore alla Sanità dal 2010 al 2018.
Come ha trascorso questo primo mese da disoccupato?
«Studiando la migliore formula per aprire un nuovo studio di progettazione con alcuni soci a Verona. Edilizia civile, case per intenderci, il mio vecchio lavoro. Devo ancora ripartire, ma l'idea è che i colleghi disegnino e che io segua
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Luca Coletto: «Rinuncio al vitalizio e ritorno a fare il mio mestiere: il geometra»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 31 commenti presenti
2019-09-30 21:40:02
Il vitalizio se lo può tenere. L’importante è che torni a fare il suo lavoro. Dell’altro ne abbiamo abbastanza. Grazie, si accomodi.
2019-09-30 14:32:52
Un geometra che invece di occuparsi di misurare i lotti, si occupava di "sanità"!!!… (incredibile ma vero)
2019-09-30 14:59:04
c'erano anche ministre dell'istruzione "forse" con la licenza media...
2019-09-30 14:59:57
ci sono ministri degli esteri che oltre non saper lingue straniere manco sanno l'italiano...
2019-09-30 20:41:56
Sig. Stefanotv come è vero che ci sono persone ignoranti che parlano a vanvera, non qualche volta, bensì in continuazione.