Venezia e la gemella cinese: canali al posto delle strade, case sull'acqua e la barca per viaggiare Foto

Giovedì 2 Dicembre 2021 di Raffaella Ianuale
Venezia e la gemella cinese Suzhou, un gemellaggio che compie 40 anni
1

VENEZIA - Venezia e la sua gemella cinese. Compie quarant’anni un gemellaggio che ripercorrendo le orme di Marco Polo unisce Venezia alla città di Suzhou in Cina. Due realtà ai capi opposti del mondo, ma in realtà non così differenti. Anche nella cittadina cinese, che si trova nella regione di Jiangsu, c’è un’ampia laguna, le strade sono sostituite da canali, le case sorgono sull’acqua e ci si sposta con le imbarcazioni. Un angolo incantato che si ispira a Venezia, moltiplicata però all’infinito. Perché ai 65mila residenti di Venezia, si contrappongono gli oltre dieci milioni di cittadini che abitano a  Suzhou.

 

Il gemellaggio

Per questo anniversario la città gemellata a Venezia ha invitato in Cina una delegazione italiana di chef, architetti imprenditori e albergatori. Non potendo esagerare negli spostamenti, complice il Covid, si sono scelti italiani che hanno già attività in Cina.
«La Cina ha investito molto in questo gemellaggio, un’unione culturale tra queste due città che si sono scelte fin dall’antichità, ma anche un’occasione di promozione turistica ed enogastronomia per Sunzhou e per Venezia» spiega in perfetto italiano Linda Xu​ cinese di nascita e veneziana di adozione che ha curato gli eventi legati al gemellaggio. Linda, 28 anni, è nata a Changzhou, cittadina a un’ora da Shanghai, ma appena 17enne è giunta a Venezia grazie a uno scambio culturale. Qui ha frequentato l’ultimo anno dell'istituto alberghiero Barbarigo, ospite del convitto Foscarini, e sempre in Italia si è laureata maturando una conoscenza perfetta dell'italiano. Costretta dalla pandemia a rientrare in Cina, anche una volta giunta in patria non ha tradito la sua doppia anima orientale e lagunare.

Expo dai sapori veneziani

In occasione del quarantesimo del gemellaggio ha infatti organizzato a Sunzhou un Expo dai sapori tutti veneziani. L'evento è stato infatti introdotto da un video-discorso inviato dal sindaco veneziano Luigi Brugnaro e proiettato in un grande schermo con tanto di sottotitoli cinesi. Un primo omaggio per l'importante anniversario che lega le due città affondando nei ricordi della storia che riconducono alle affascinanti imprese di Marco Polo in Oriente. Allestita anche una grande mostra con le suggestive immagini di Venezia con tanto di sezione dedicata al Calcio Venezia e alla sua recente scalata per giungere alla serie A. Ma ci sono pure i costumi e la maschere del carnevale, i prestigiosi vetri di Murano e l'artigianato nei merletti di Burano.

Il tour delle meraviglie

Promossa Venezia è toccato poi alla gemella cinese. Da qui è partito un meraviglioso tour che ha coinvolto la delegazione italiana ospite delle autorità cinesi. Tra loro presenti anche veneti come il veronese Gian Filippo Murari, executive chef dell'hotel 5 stelle  Parkyard di Shanghai e l'architetto trevigiano Matteo Papparotto. A loro è stato offerto il privilegio di fare una full immertion di una settimana tra le suggestioni artistiche, naturalistiche e anche gastronomiche di Sunzhou. Si è partiti con l'escursione in barca nella laguna di Sunzhou fino ad immergersi in una magica foresta sull'acqua. Sono seguite le tappe enogastronomiche alla scoperta dei piatti tipici come gli spaghetti noodls ed infine è stato offerto un itinerario tra terra e acqua in questa città così simile a Venezia e forse ancora poco conosciuta. Un'importante promozione turistica attraverso una sorte di ponte ideale tra Occidente e Oriente in un periodo di immobilità. Sempre in attesa di tornare a viaggiare in libertà alla scoperta di suggestioni lontane.

 Suzhou, la città cinese "gemella" di Venezia


 

Ultimo aggiornamento: 19 Dicembre, 20:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA