Turismo slow e di lusso: una giornata in barca con i pescatori di "moeche"

Domenica 21 Maggio 2017
1
VENEZIA -  A pesca di "moeche" in Laguna sul bragozzo "La rosa dei venti". L'imbarcazione, di proprietà dei Bognolo, la più antica famiglia di pescatori del tipico granchio lagunare senza guscio, riportata a nuovo e varata al Cantiere Crea della Giudecca, si appresta a diventare il simbolo di un turismo "slow" ed ecocompatibile.

Sono rimasti in pochi a praticare la pesca stagionale di questi granchi che si concentra nel periodo da marzo a maggio e da ottobre a novembre, ovvero quando vanno in muta e abbandonano la loro corazza, diventando morbidi (da questo il termine dialettale che indica mollezza). Le zone di pesca si concentrano a ridosso dell'isola della Giudecca, a Burano e a Chioggia. Qui i moecanti calano sui fondali bassi la "trezza", una rete alle cui estremità si attaccato le nasse, delle trappole cilindriche composte da reti metalliche che intrappolano e bloccano i granchi. Una volta ritirate le reti e raccolti i crostacei viene fatta un'accurata cernita. In base all'avanzamento dello stato biologico dei granchi questi vengono selezionati o rigettati in acqua. Quelli che hanno già finito la muta non sono mangiabili. Inizia poi una fase di allevamento in cui si aspetta che i granchi raggiungano lo stato di moeche, durante questo periodo vengono tenuti in casse di legno fessurate immerse nelle acque lagunari. Ora anche i turisti potranno vivere questa esperienza da vicino: proprio a bordo de bragozzo dei Bognolo, infatti, l tour operator K-Luxury organizza per gruppi ristretti di 10-12 turisti, una vacanza alternativa: vivere una giornata insieme ai pescatori veneziani. Ci si fermerà in barena per pescare moeche e altre specie tipiche e successivamente gustarle, cucinate direttamente a bordo. Un itinerario alternativo che coniuga, rigorosamente a ritmi slow, bellezze naturalistiche e paesaggistiche con prelibatezze enogastronomiche.
Ultimo aggiornamento: 19:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA