Emergenza truffe agli anziani la polizia affianca i preti in chiesa

Venerdì 15 Dicembre 2017
Emergenza truffe agli anziani la polizia affianca i preti in chiesa
9

MESTRE- «La messa è quasi finita». Perché, prima del saluto finale, un agente di polizia salirà sull’altare per una “predica” tutta particolare a fianco del sacerdote: un invito a non restare vittima dei truffatori, rivolto soprattutto agli anziani, con una serie di consigli su come non farsi derubare o raggirare.

IL PATTO
È un vero e proprio patto fra Questura e Patriarcato di Venezia per mettere all’angolo i truffatori che, anche l’altroieri, hanno derubato una 92enne in via Manzoni portandole via denaro e gioielli per cinquemila euro. Da domani, e poi domenica e nei successivi fine settimana, i poliziotti entreranno nelle chiese di Mestre e Marghera per una maxi-campagna informativa e di sensibilizzazione contro truffe e furti ai danni degli anziani. Il questore Danilo Gagliardi ha scritto al patriarca per proporre questa iniziativa, e Moraglia ha risposto subito fornendo la massima collaborazione ed informando le parrocchie. Sarà il primo dirigente del commissariato di Mestre, Eugenio Vomiero, a tenere le fila di questa operazione capillare e, del resto, Vomiero è da anni uno dei promotori del progetto “Ocio, ciò!” del Comune di Venezia. «Da qualche settimana abbiamo percepito un aumento di episodi di truffe, con l’arrivo di pensioni o tredicesime - spiega Gagliardi -. Ho avuto modo parlarne con il patriarca per chiedere se era possibile essere presenti alle funzioni religiose più frequentate dagli anziani. Il patriarca ha colto e immediatamente dato il via a questa partnership in cui un nostro dirigente presenterà le maggiori insidie e risponderà a ogni domanda».


 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA