Aggressione in Pronto Soccorso a Mestre: infermiere ferito con un calcio da uno straniero ubriaco

Lunedì 9 Dicembre 2019
Aggressione in Pronto Soccorso a Mestre: infermiere ferito con un calcio da uno straniero ubriaco
7

MESTRE (VENEZIA) - Infermiere ferito con un calcio da un giovane straniero ubriaco e aggressivo. L'episodio di violenza si è verificato al Pronto Soccorso dell'ospedale dell'Angelo di Mestre, domenica 08 dicembre. La Direzione dell'Ospedale dell'Angelo di Mestre ha espresso a propria vicinanza all'infermiere ferito.

LEGGI ANCHE San Vito al Tagliamento. Infermiera accoltellata da un paziente

Aggressione in ospedale: cosa è successo
L'uomo è stato arrestato mentre l'operatore sanitario, colpito da un calcio al ginocchio, ha una prognosi di 40 giorni e dovrà subire un intervento chirurgico. Per l'Ulss 3 Serenissima «questi episodi confermano che il Pronto Soccorso è un luogo sempre più di frontiera, dove gli operatori e i medici si trovano a farsi carico anche di persone portatrici di disagio».

Aggressioni in corsia: medici e infermieri ai corsi di autodifesa

Emergenza sicurezza in ospedale: il piano dell'Ulss
«Anche a queste persone il Pronto Soccorso - viene rilevato - presta il suo servizio, più di quanto non si facesse in passato: i rischi da sempre connessi a questa attività, di conseguenza, ora sono più alti e continuano ad aumentare». Per arginare la pressione all'interno dei Pronto Soccorso, e non solo, la Direzione dell'Ulss 3 Serenissima ha predisposto nei mesi scorsi un percorso di contrasto. «È stato costituito - spiega il direttore generale Giuseppe Dal Ben - un gruppo di lavoro Prevenire gli atti di violenza. A questo tavolo sono rappresentati tutti i livelli, e le figure di coordinamento lavorano insieme agli RLS, cioè ai 'responsabili dei lavoratori per la sicurezzà, e insieme all'équipe del rischio clinico e alla psicologia ospedaliera». Anche la riorganizzazione degli spazi del Pronto Soccorso, ora in corso, è stata disegnata a partire dalle proposte espresse dal Gruppo di Lavoro contro gli atti di violenza. Dallo stesso Gruppo di Lavoro è giunta la proposta di costituzione di specifici sportelli di consulenza - sul rischio clinico e di supporto psicologico, e in prospettiva anche legale - rivolti al personale.

Si sta infine valutando la possibilità di rivedere la grafica del cartellino di riconoscimento degli operatori del Pronto Soccorso e di introdurre un cartellino di riconoscimento degli accompagnatori dei pazienti in Pronto Soccorso. Resta comunque fondamentale, per la direzione dell'ospedale, la presenza di operatori della sicurezza (in Pronto Soccorso è presente una guardia giurata e opera un punto di Polizia) che «con la loro divisa e con la facoltà di intervento costituiscono ovviamente un freno, in molti casi, alle azioni violente».

Ultimo aggiornamento: 18:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA