Addio Nicola, ingegnere di 50 anni ucciso dalla sclerosi

Lunedì 23 Maggio 2022 di Marco Corazza
Addio Nicola, ingegnere di 50 anni ucciso dalla sclerosi

CAORLE - Una vita passata a pensare agli altri, il cuore di Nicola si ferma per la malattia. Da diverso tempo Nicola Dal Ben, 50enne di Caorle, era affetto da sclerosi laterale amiotrofica. Nonostante ciò Nicola non si era mai dato per vinto, continuando a vivere con una missione: fare del bene. Ne sono testimonianza le tante raccolte fondi a cui il 50enne, ingegnere alle dipendenze per una ditta trevigiana, partecipava attivamente per aiutare spesso chi era sofferente.

GENEROSITÀ
Un paradosso per il caorlotto, originario di Fossalta di Piave, che pur essendo malato pensava agli altri cercando di dare forza e sostegno a chi come lui soffriva. Un vero leone Nicola Dal Ben, padre e marito di una famiglia meravigliosa che non lo ha mai lasciato solo. Quando anni fa la malattia si è presentata, quel papà ha iniziato a lottare per cercare di sconfiggere quell'intruso che stava minando la tranquillità familiare ma non l'affetto per un padre amorevole e attento e un marito esemplare. Come la mamma, vinta dalla sclerosi multipla nel 2013, anche Nicola si è ritrovato ad affrontare la malattia. Anche in quella occasione dolorosa l'ingegnere di Caorle si era distinto pubblicando un messaggio per la mamma: «In questo giorno in cui il ricordo più doloroso della mia vita riaffiora, vorrei ridare valore al rapporto tra genitori e figli. Il mio pensiero va ai momenti di complicità tra me e mia madre: gli abbracci, i sospiri, i sorrisi, gli sguardi, i sentimenti espressi con parole e gesti. Un rapporto stupendo che alleviava le difficoltà della vita. E solo per un momento voglio far finta che tutto questo non sia successo, che il tempo non sia passato. E mi immagino un giorno qualsiasi, sto per uscire di casa, la scuola mi aspetta. Zaino in spalla. Bacio di saluto e Ciao mamma».

LA FAMIGLIA
Ora sono in tanti a salutare Nicola Dal Ben. Negli ultimi tempi era stato ricoverato all'ospedale dell'Angelo di Mestre dove sabato è deceduto. Originario di Fossalta di Piave, si era sposato con Silvia Dorigo, apprezzata insegnante di matematica. Un amore il loro coronato con la nascita di Sara ed Elisa, ora ragazze. Moltissimi i messaggi di cordoglio arrivati ai familiari di Nicola, che da quasi 23 anni lavorava per la Texa, azienda di Monastier nel trevigiano. «Non so se piango io o il mio cuore - ha ribadito la cugina Sabrina - salutami Simone e fate festa per i vostri 50 anni». «Un'altra giovane vita spezzata - ha scritto nei socia Luciana, un'altra cugina - Ora abbraccia la tua cara mamma». «Sarà accolto con grande amore - ha evidenziato Paola - Ora è in pace e come tutte le anime di luce guiderà i suoi cari da lassù». Il funerale sarà celebrato mercoledì alle 15.30 nel Duomo di Caorle.
 

Ultimo aggiornamento: 17:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci