"Tradito" dalla pedalata assistita della bici elettrica: cade e chiede il risarcimento. Negato

PER APPROFONDIRE: bicicletta elettrica, mira, risarcimento
(foto di archivio)
MIRA - A novembre aveva speso 880 euro per acquistare una bici elettrica, un’Atala, da utilizzare per recarsi al lavoro. Ma appena tre settimane dopo il mezzo lo ha “tradito”: a causa del bloccaggio della ruota anteriore, il malcapitato è volato in avanti, rovinando sull’asfalto, e si è fratturato una gamba. Nonostante tutte le evidenze, però, la nota azienda monzese disconosce il difetto di fabbricazione e denega ogni responsabilità nel sinistro.

Da quattro mesi un quarantaduenne di Mira e Studio 3A, a cui si è affidato, si stanno battendo per ottenere un equo risarcimento per idanni materiali e soprattutto fisici riportati a causa di una imprevista e rovinosa caduta successa il 4 dicembre 2018, poco dopo le 20, in via Riscossa, sempre a Mira.

L’uomo stava tornando a casa dal lavoro in sella a una bicicletta a pedalata assistita Atala modello E-Run che aveva appena acquistato, il 12 novembre, presso il Center Bike di Mira Porte, per un costo di 880 euro. All’improvviso, però, la ruota anteriore del mezzo si è bloccata a causa di un difetto del piolo di aggancio del freno V-Brake anteriore sinistro, come si scoprirà dopo: il bloccaggio ha fatto da “leva” e il conducente è letteralmente volato per terra, danneggiando il velocipede ma, soprattutto, riportando lesioni pesanti.

Dopo essersi rialzato a fatica, aiutato da un passante, il 42enne è riuscito a raggiungere a piedi la sua abitazione, che distava poche centinaia di metri, ma i dolori ad una gamba in particolare erano sempre più lancinanti e così l’indomani mattina si è fatto accompagnare al Pronto Soccorso dell’ospedale di Dolo, dove le radiografie hanno constatato la frattura del piatto tibiale del ginocchio sinistro, per una prognosi di almeno trenta giorni: è stato subito ricoverato nel reparto di Ortopedia e si è dovuto sottoporre a un intervento chirurgico.

Il cittadino mirese, per essere risarcito dei danni fisici oltre che materiali alla bicicletta elettrica, attraverso il consulente personale Nicola Mezzetti si è quindi rivolto a Studio 3A-Valore, che ha innanzitutto raccolto tutta la documentazione. Oltre ai certificati medici, è stata acquisita la testimonianza del passante che l’aveva soccorso e che aveva visto tutta la scena, notando subito come il blocco del freno anteriore fosse incastrato nella ruota. E, soprattutto, dopo avergli fatto vedere il velocipede, è stata aggiunta al fascicolo la dichiarazione del rivenditore, che ha convenuto sul fatto che “la rottura è da considerarsi un difetto di costruzione con conseguente distacco della parte di fissaggio del leveraggio freno saldato alla forcella”: una conclusione a cui sono peraltro giunti anche gli esperti di Studio 3A. E’ stata pertanto presentata una dettagliata richiesta danni ad Atala, considerato peraltro che la bici a pedalata assistita era stata appena acquistata ed era abbondantemente in garanzia, ma nonostante tutte le prove esibite i tecnici dell’azienda non hanno voluto riconoscere il difetto di fabbrica, asserendo addirittura che sarebbe stato il proprietario a rompere il blocco-freno. E nei giorni scorsi la compagnia di assicurazione di Atala, Groupama, ha formalmente negato il risarcimento sostenendo che “dagli accertamenti effettuati non è emerso alcun elemento di responsabilità a carico della nostra assicurata”. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 24 Aprile 2019, 14:27






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
"Tradito" dalla pedalata assistita della bici elettrica: cade e chiede il risarcimento. Negato
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-04-25 09:13:12
evitate i freni V-brake e scegliete invece quelli a disco o tamburo, specialmente su bici elettriche. Per quanto riguarda l'Atala, il boiccottaggio è il minimo che si possa fare.
2019-04-26 15:00:56
& pierdevelopo Prendiamo quelle messe insieme da personale non autorizzato lavoratori in nero del sud con pezzi riciclati (rubati) senza matricola
2019-04-24 22:27:52
Atala è un marchio padovano, ora la sede amministrativa è a Monza ma le bici vengono costruite in Turchia con componenti quasi tutti cinesi. Per quanto riguarda l'assicurazione, come consuetudine tendono a non pagare o a proporre indennizzi ridicoli anche di fronte all'evidenza. Tutto normale.
2019-04-24 17:18:55
L’obiettivo di qualunque assicurazione è non pagare, ergo non appena arriva la richiesta, parte d’ufficio il respingimento della medesima, così che qualcuno si scoraggi e ceda.
2019-04-24 16:44:53
il copppertone che non racconta mai una cosa giusta, una saldatura non si rompe con una semplice caduta