Martedì 22 Gennaio 2019, 22:56

Allarme a Venezia: «Ci sono minori che vivono soli nelle case Ater»

PER APPROFONDIRE: ater, baby gang, minori, venezia
Allarme a Venezia: «Ci sono minori  che vivono soli nelle case Ater»

di Elisio Trevisan

VENEZIA - C’è una bomba innescata nei condomini Ater di Venezia centro storico e di Mestre. È la devianza minorile che sta seriamente preoccupando i vertici dell’Ater, perché ci sono ragazzini che vivono abbandonati dentro agli alloggi popolari e il fenomeno, a quanto pare, è in crescita. Alcuni dei ragazzi individuati nei giorni scorsi dalle forze dell’ordine come autori delle aggressioni in centro storico a Venezia sono di buona famiglia «e siamo ben coscienti che l’ambiente da cui provengono ormai non è più determinante - afferma il presidente dell’Azienda Territoriale per l’Edilizia Residenziale veneziana Raffaele Speranzon - È una violenza senza senso, senza ideali, è solo rabbia e strafottenza. Ma al pari di chi ha la sfortuna di trovarseli davanti, anche noi come azienda fatichiamo a capire come comportarci. Però è impossibile non far nulla». La casistica delle disgrazie nelle case popolari è ampia: la mamma che ha fatto cinque figli con cinque uomini diversi e li fa vivere nello stesso appartamento a Venezia; figli di chi ha occupato un alloggio al Circus di Chirignago e poi se n’è andato; e, ancora,
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Allarme a Venezia: «Ci sono minori che vivono soli nelle case Ater»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2019-01-25 21:02:22
Venezia e' al collasso culturalmente! ormai e' destinata ad essere popolata solo da mafiosi e pezzenti al soldo dei mafiosi!...
2019-01-23 15:12:47
Mamma e papà probabilmente gli passano un mensile e pagano le bollette, purchè i figli non rompano.
2019-01-23 13:28:57
Chi ha aperto e paga le utenze ???
2019-01-23 14:05:41
Pantalon.
2019-01-23 12:16:53
Certa gente non sa rispettare le regole del quieto vivere. Per loro ci sono solo diritti ma mai un dovere da rispettare. Con la scusa della "fragilita'" caratteriale che caratterizza certi soggetti, il resto della societa' deve sopportare in silenzio ogni sopruso di questi disadattati.