Sabato 3 Novembre 2018, 09:54

Caorle, spiagge spazzate via. «E non abbiamo più sabbia»

PER APPROFONDIRE: caorle, maltempo, spiaggia
Caorle, spiagge spazzate via  «E non abbiamo più sabbia»

di Riccardo Coppo

È emergenza anche per le spiagge di Caorle. L'eccezionale ondata di maltempo che sta imperversando sul Veneto ha cancellato tutto l'arenile di Porto Santa Margherita, Duna Verde, Valle Altanea posto ai piedi dei gradoni di cemento che costituiscono l'originaria difesa a mare. Ma anche il primo tratto della spiaggia di Ponente del capoluogo ha subito notevoli danni con almeno 30mila metri cubi di materiale sabbioso asportato dalle onde dell'Adriatico.  Ieri mattina, il presidente del Consorzio Psm Spiaggia, Stefano Zia, insieme ai rappresentanti dell'associazione proprietari di Porto Santa Margherita e del locale Comitato, sono stati ricevuti in municipio dal vicesindaco Giovanni Comisso. Motivo dell'incontro il grido d'allarme dei gestori degli stabilimenti balneari e, a seguire, di tutti gli operatori del turismo: «È innegabile che il danno maggiore lo abbiano subito i titolari degli stabilimenti ha spiegato Zia , ma senza la spiaggia, che è l'elemento centrale della nostra offerta turistica, anche gli
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Caorle, spiagge spazzate via. «E non abbiamo più sabbia»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2018-11-05 12:43:04
notiziona! non ci dormiro'la notte...
2018-11-04 23:27:16
La sabbia che serve,prendetela dal Piave,ne trovate a tonnellate.Magari mettiamo in sicurezza questo torrente.
2018-11-03 20:26:22
Da che mondo è mondo, esiste il rischio d'impresa. Albergatori & C. si autotassino e provvedano al ripascimento delle spiagge, non può essere l'ente pubblico che spende milioni per poi far guadagnare le imprese a spese dei cittadini.
2018-11-04 10:55:31
Voi non avete rischi di impresa, vi mantiene il nord
2018-11-04 17:23:41
non fingere di essere razzista, e' risaputo che non lo sei.