Isis, l'imam che teneva contatti
coi reclutatori condannato a 7 anni

PER APPROFONDIRE: belluno, bilal bosnic, imam, isis, reclutamento
Isis, l'imam che teneva contatti
coi reclutatori condannato a 7 anni
SARAJEVO - I giudici della corte d'appello di Sarajevo hanno pronunciato oggi una sentenza di condanna definitiva, a 7 anni di reclusione, per Husein detto Bilal Bosnic (42 anni), noto leader della cosiddetta comunità salafita, confermando così la condanna in primo grado che lo aveva riconosciuto colpevole di incitamento al terrorismo, reclutamento per le attività terroristiche e organizzazione di gruppi di terroristi. Lo ha reso noto il Tribunale di Sarajevo.

Bosnic era stato arrestato nel settembre del 2014 e rinviato a giudizio con l'accusa di aver pubblicamente incitato i giovani a unirsi alle organizzazioni terroristiche, e in particolare all'Isis in Siria e Iraq, nel corso del 2013 e 2014, quando faceva l'imam della comunità salafita, organizzata al di fuori dalle istituzioni ufficiali della Comunità musulmana bosniaca. Almeno sei uomini reclutati da Bosnic, ha affermato la procura, hanno perso la vita nelle fila delle organizzazioni terroristiche in Siria e in Iraq.

Per il reclutamento di giovani jihadisti Bosnic è indagato anche in Italia dal Ros di Padova e dalla procura di Venezia. La Procura bosniaca ha sottolineato che questa è la condanna definitiva più pesante pronunciata per incitamento al terrorismo in quest'area dell'Europa.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 8 Giugno 2016, 18:53






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Isis, l'imam che teneva contatti
coi reclutatori condannato a 7 anni
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2016-06-10 10:23:54
solo 7 anni?! questi sono i mandanti di stragi in europa e fuori! vanno messi alla 41bis a vita!
2016-06-09 11:54:41
7 anni per cosa, per organizzare le nuove reclute all'interno del carcere? ah, questi sono i moderati! W Renzi, W l'Islamitalia!
2016-06-09 08:45:38
Mohamed Amin Al Ahdab, presidente della Comunità Islamica di Venezia e provincia, pochi giorni fa ha ribadito con decisione la necessità che Venezia centro storico sia dotata di una moschea, dato che Marghera viene considerata "troppo lontana", e che è doveroso per le Istituzioni prendersi carico anche delle esigenze dei musulmani, "gli unici" a non avere un luogo (di un certo prestigio, ovviamente) dove riunirsi a pregare. Ecco. Io credo di dover evitare commenti perchè non mi va di essere censurata, ma invito tutti a riflettere sull'atteggiamento di queste persone.