Emergenza a San Marco, conduttura del gas bucata per errore da un operaio

PER APPROFONDIRE: condotta, gas, italgas, palazzo ducale, san marco, tubo
Emergenza a San Marco, conduttura del gas bucata per errore da un operaio
VENEZIA - Turisti deviati dal loro itinerario in piazza San Marco a causa della rottura di un tubo di gas da parte di un operaio che stava facendo alcuni lavori, non lontano da palazzo Ducale. La polizia locale ha creato una sorta di area off limits, costringendo i turisti ad un percorso alternativo. Sul posto sono giunti tecnici dell'Italgas per bloccare la fuoriuscita di gas e riparare il danno nel più breve tempo possibile. L'area è in sicurezza e la continuità del servizio è garantita a tutte le utenze della zona. Il danno è stato causato da un'azienda di servizi che stava realizzando un intervento sui sottoservizi di piazza San Marco, lesionando una condotta del gas in bassa pressione che serve la zona provocando una dispersione.

L'intervento di Italgas ha consentito la riapertura di Palazzo Ducale e un corridoio più ampio di transito per i turisti. La polizia Locale, infatti, ha allargato l'area di passaggio in Piazza san Marco, restringendo lo spazio off limits delimitato con le transenne. I tecnici di Italgas hanno dovuto attendere la discesa della marea per iniziare l'intervento sulla condotta. La rottura del tubo in polietilene è avvenuta durante la fase di carotaggio, non lontano dal molo. Ad operare era una ditta che lavorava per conto del Consorzio Venezia Nuova.


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 21 Marzo 2019, 17:40






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Emergenza a San Marco, conduttura del gas bucata per errore da un operaio
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2019-03-22 07:23:40
Fatti sperimentati:trancio di cavo telefonico con isolamento internet di ospedali, banche , uffici, esecizi commerciali e fabbriche...anche di parecchie ore ...ormai senza web tutto si ferma. Altro caso: una scavatrice di ennesima canaletta distruggi asfalto o porfido(mai aggiustati allo stato precedente ma solo alla buona come capita-capita)..incrina un tubodi acquedotto senza tranciarlo di netto.L'operaio tenta di rabberciare con dei giri attorno al crepo con nastro isolante telato.Fortuna che qualcuno ha visto ed ha intimato taglio pezzo di tubo e sostituzione con manicotto pena denuncia.
2019-03-21 20:51:19
Mi pare la fotocopia di quanto avvenuto a Cortina mesi fa: all'epoca sospettai che i responsabili delle operazioni fossero al bar, mentre gli operai sfondavano la condotta principale del gas. Oggi non posso che sospettare la medesima identica cosa: operai lasciati soli in prossimita' di cavi, linee, condotte, stavolta davanti alla basiica e al Palazzo Ducale! Stavolta cosa avevano di piu' importanta da fare, i responsabili dei lavori???
2019-03-21 19:10:49
Sarà qualche senegalese piromane pure questo......
2019-03-21 18:16:53
e dei piccioni ne vorremmo parlare o no allora?
2019-03-21 18:14:22
magari chi ha fatto il carotaggio non aveva nemmeno la mappa dei sottoservizi interrati. Come i vecchi pionieri nel west, il tecnico avra' lanciato il cappello in aria ed avra' picconato nel punto di atterraggio del cappello. Anziche' petrolio ha trovato il gas.