Giovedì 7 Novembre 2019, 10:07

Fincantieri, 12 dirigenti indagati per i subappalti: ecco tutti i nomi

PER APPROFONDIRE: fincantieri, indagine, marghera, subappalti
Fincantieri, 12 dirigenti indagati  per i subappalti: ecco tutti i nomi

di Davide Tamiello

 VENEZIA Ci guadagnavano tutti: i titolari delle aziende, che ottenevano prolungamenti dei lavori in appalto e i dirigenti, che arrotondavano i loro stipendi con bustarelle e regali. Tutti, tranne gli operai. L’ultimo anello della catena produttiva, nel quadro investigativo dipinto dalla guardia di finanza di Venezia, era il motore (inconsapevole) del meccanismo, sfruttato e vessato tra paghe da miseria e condizioni capestro prive di ferie, tfr e straordinari. L’inchiesta del nucleo di polizia tributaria, coordinata dal pubblico ministero lagunare Giorgio Gava, al momento conta 34 indagati, tra figure apicali di Fincantieri e titolari di aziende, un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari per uno di questi, il bengalese Mohammad Shafique, a capo di due ditte di Mestre, la Gazi e la Cnb Srl, e un sequestro di 200mila euro, soldi che secondo l’accusa sarebbero stati sottratti ai lavoratori. Ieri mattina le fiamme gialle hanno eseguito 80 perquisizioni tra le varie sedi dei cantieri navali (Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Campania, Puglia e Sicilia) per i reati di sfruttamento della manodopera, corruzione tra privati, dichiarazione fraudolenta ed emissione di fatture false.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Fincantieri, 12 dirigenti indagati per i subappalti: ecco tutti i nomi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 10 commenti presenti
2019-11-08 10:18:58
11 luglio 2019 - Fincantieri, colosso mondiale delle costruzioni navali, cerca carpentieri e saldatori, ma non li trova. Sembra che i giovani abbiano perso la voglia di lavorare, dice l'ad Bono. Nei prossimi due o tre anni avremo bisogno di 5-6mila lavoratori ma non so dove andarli a trovare. Carpentieri, saldatori. Abbiamo lavoro per 10 anni e cresciamo ad un ritmo del 10% ma sembra che i giovani abbiano perso la voglia di lavorare. D'altra parte, se uno si accontenta di fare il rider a 500/600 €. Da noi un lavoratore medio prende 1600 euro: purtroppo mi sembra che abbiamo su questo cambiato cultura.
2019-11-08 09:46:57
Schifosi.
2019-11-08 06:53:09
La STECCA e'usanza importata o hanno capito i nuovi caporaletti venuti dall'estero le nostre usanze?? Regola universale: sempre in quel posto ai lavoratori che fanno il lavoro pratico. NON DARE LA GIUSTA MERCEDE AGLI OPERAI( meglio SALARIO,che"mercede" non lo capiscono neppure in Italia) ce lo facevano recitare a memoria al catechismo..( non occorre tanto sforzo i peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio sono solo 2, l'altro e' OPPRESSIONE DEI POVERI) Per non incorrere in vendetta meglio farli compiere a non cristiani...poi son cavoli loro.
2019-11-07 14:40:35
tra gli inquisiti c'è un bengalese e la comunità bengalese è numerossisima nelle città dove ci sono i cantieri a snaturarle quasi; a monfalcone rappresentano il 30% della popolazione e nella medesima città c'è una disoccupazione del 15% a seguito delle recenti crisi della sbe ed altre aziende. La domanda sorge spontanea....
2019-11-07 16:04:33
Chi segue il fenomeno dell'immigrazione non puo' non aver preso nota che in Italia i bengalesi sono tantissimi. Non danno nell'occhio come gli africani in quanto sono generalmente di piccola statura e vestiti in maniera ordinario senza essere appariscenti,ma sono tantissimi. Sorge per forza la domanda: ma come mai i bengalesi che abitano il Bangla Desh, paese all'altro capo del mondo, vengono addirittuta fino in Italia? E dalle notizie che si conoscono, come mai molti bengalesi prendono l'aereo con scalo a Dubai e poi atterrano a Tripoli e quindi s'imbarcano sulle carrette del mare per raggiungere l'Italia? Mai letto un servizio giornalistico su questo fenomeno che ha aspetti veramente poco comprensibili e avvolti nel mistero.