Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Viaggio a Ios dopo la maturità, studenti contagiati: in 15 bloccati sull’isola greca

Giovedì 15 Luglio 2021 di Raffaella Vittadello
L'isola greca di Ios
8

VENEZIA  - Avrebbero dovuto far ritorno in aereo ieri sera - 14 luglio - al Marco Polo di Tessera e avrebbero raccontato di persona ad amici e familiari di quella prima vacanza senza genitori, a coronamento di una maturità in alcuni casi da centini. Invece una comitiva di diciottenni veneziani è bloccata all’isola di Ios, in Grecia, perchè alcuni sono risultati positivi al Coronavirus. E non hanno informazioni su come riuscire a tornare indietro e con che tempi.
La gita era iniziata venerdì 2 luglio, per questo gruppo di neomaggiorenni della Venezia insulare reduci, con brillanti risultati, dagli esami di maturità. E proprio come premio avevano organizzato il viaggio in Grecia nei minimi dettagli, segno di affrancamento e di indipendenza dalle famiglie.

Leggi anche > Viaggio a Barcellona dopo la marturità: 11 contagiati

Avevano cercato e prenotato online degli appartamenti, poco distanti dalla sabbia bianchissima della nota spiaggia dell’arcipelago delle Cicladi, nell'Egeo.  Tanto entusiasmo e tanta voglia di recuperare quella normalità perduta, grazie all’amicizia cementata da cinque anni sui banchi di scuola, messa alla prova bruscamente dalla pandemia e dalla didattica a distanza degli ultimi due inverni. 

LA VACCINAZIONE
 Il tutto con le dovute precauzioni, che per questi ragazzi sono diventate ormai una consuetudine. Tanto che alcuni di loro avevano anche accettato di buon grado di sottoporsi alla vaccinazione, proprio per ottenere il prezioso lasciapassare verso la libertà. 
E così quando la settimana scorsa una delle ragazze ha accusato un po’ di malessere, con qualche linea di febbre, avevano inizialmente dato la colpa a uno sbalzo di temperatura, acuito dal vento che soffia sulla spiaggia, condito dalla stanchezza di ritmi più intensi del solito. Ma si erano subito organizzati per sottoporsi tutti al tampone come da prassi.
Ed è emersa la sconcertante sorpresa: 5 di loro, alcuni dei quali già vaccinati, sono risultati positivi al Coronavirus. Fortunatamente stanno tutti bene, a parte lievissimi sintomi, e hanno rassicurato i genitori attraverso la chat whatsapp che ha unito anche le famiglie nell’avventura. 

LE FAMIGLIE 
Ma hanno dovuto fare tutto da soli, perchè le autorità sanitarie greche non hanno loro fornito alcuna indicazione sul proseguimento forzato della vacanza. Chi infatti aveva l’esito negativo del tampone sarebbe potuto tornare indisturbato, pur essendo stato a stretto contatto con un positivo nei giorni precedenti. Ma per senso di responsabilità i ragazzi hanno deciso di rimanere tutti lì, in un altro appartamento, e hanno riorganizzato le camere tra positivi e non. 
«Non sappiamo quando potranno rientrare a Venezia - racconta una mamma - ci conforta sapere che i ragazzi stanno bene, meno il fatto che non abbiano indicazioni su come regolarsi. Non c’è nessun controllo da parte delle autorità sanitarie locali, potrebbero teoricamente uscire a far la spesa e nessuno interverrebbe. Ma sono estremamente responsabili e non lo fanno perchè si sono autoimposti l’isolamento. C’è anche il lato economico della vicenda: a Ios non ci sono Covid Hospital, teoricamente dovrebbe essere lo Stato a farsi carico della spesa aggiuntiva per la permanenza forzata, dettato da ragioni di tutela della salute pubblica. Intanto dovremo pagare noi, poi si vedrà».
Una situazione che ricalca quanto accaduto nei giorni scorsi con una comitiva bloccata a Malta, in questo caso con assistenza inadeguata, su cui è stato chiesto l’intervento del ministro degli Esteri Luigi Di Maio. O l’episodio dei 500 studenti prigionieri a Dubai in quarantena.

Ultimo aggiornamento: 16 Luglio, 12:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci