Coronavirus. Salta la coda per entrare al supermercato: insulta i presenti e anche i carabinieri

Venerdì 10 Aprile 2020
Coronavirus. Salta la coda per entrare al supermercato: insulta i presenti e anche i carabinieri
3

Coronavirus, tutti in coda per entrare al supermercato, ma lui decide di fare un bel salto della coda e poi prendersela con chi lo rimproverava. Sul posto sono arrivati anche i carabinieri, e anche contro i militari l'uomo ha usato parole di fuoco.

Coronavirus. Troppi clienti nel supermercato, la cassiera si arrabbia e insulta i carabinieri

E’ con grande attenzione che continua incessante l’opera di contrasto legata all’emergenza epidemiologica in atto da parte dei Carabinieri della Compagnia di Mestre, attraverso la vigilanza ed il monitoraggio delle zone di competenza territoriale, nonché sulle aree destinate alle attività di vendita di prodotti alimentari, sui quali oramai converge la maggior parte delle persone. A seguito delle lunghe code che si formano davanti ai supermercati in attesa dell’acquisto di generi alimentari, tutti muniti di mascherina e di guanti come dalle disposizioni della Regione Veneto, ben ha pensato B.S. classe 61 di poter entrare, senza l’utilizzo di tali dispositivi ed effettuando la nuova moda del “salto della coda”, inveendo poi contro le persone in  attesa del proprio turno.

Coronavirus. In cinque a bere dentro il bar del centro "ufficialmente" chiuso

In quel frangente la pattuglia dell’Arma di Spinea, intenta nell’esecuzione dei controlli, notava la scena ed interveniva. L’uomo ha iniziato ad inveire anche nei confronti dei militari intervenuti, nonostante i ripetuti inviti a rispettare le norme, sia per quanto riguarda il contenimento del Covid-19, sia per il rispetto di tutte le altre persone in attesa. A nulla sono valsi i cortesi inviti dei militari operanti, che invece sono stati oltraggiati, davanti a tutte le persone, con vari “epiteti” dall’uomo inferocito. A questo punto hanno bloccato l’agitato, deferendolo così all’Autorità Giudiziaria per i reati di resistenza e violenza a Pubblico Ufficiale, nonché oltraggio.

Ultimo aggiornamento: 22:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA