Cede la sede stradale, chiusa la A4 tra Veneto e Fvg: riaperta alle 19

Lunedì 26 Ottobre 2020 di Marco Corazza
Chiude la A4 per il cedimento della sede stradale
4

Cede la sede stradale, chiusa la A4. L'allarme è stato lanciato dagli stessi Ausiliari della concessionaria autostradale che, durante i normali controlli, hanno notato il cedimento di un tratto della A4 in prossimità del chilometro 453 tra gli svincoli di Latisana e Portogruaro.

 

La riapertura solo alle 19 di questa sera, 26 ottobre.

 

A4, cede la strada

Si tratta di un intervento per la sicurezza viaria a seguito dei recenti lavori e delle piogge in prossimità dell'abitato di Portovecchio di Portogruaro. Per questo si è reso necessaria la chiusura del tratto autostradale a cavallo delle due regioni. Gli utenti che provengono da Trieste devono uscire a Latisana e percorrere la viabilità ordinaria per rientrare a Portogruaro. Chiusa anche la rampa di accesso a Latisana per chi si dirige verso Venezia.     

 

Le maestranze si sono subito messe al lavoro per ripristinare il cedimento dell'autostrada, come evidenziato dal fotoreporter del Gazzettino arrivato sul posto. Autovie ha ribadito che la chiusura di è resa necessaria per alcune ore per "il completamento dell'asfaltatura a seguito dei lavori effettuati nella notte tra sabato e domenica per la posa di uno scatolare".

Il comunicato di Autovie

E’ stata riaperto alle ore 19,00 del 26 ottobre il tratto autostradale della A4 Latisana-Portogruaro in direzione Venezia. Sono così state completate le operazioni di asfaltatura nel tratto interessato la scorsa notte dalla posa dello scatolare idraulico del primo sub lotto del secondo lotto (Alvisopoli–Nodo di Portogruaro). Un cantiere, questo, che si è rivelato complesso anche a causa delle pessime condizioni atmosferiche che avevano costretto più volte a interrompere l’intervento nella notte tra sabato e domenica.  La canna armata (un manufatto in calcestruzzo che consente il collegamento dei fossi da nord a sud che raccolgono l’acqua dall’autostrada) della lunghezza di 25 metri e alta 3 metri e 70 centimetri è stata posta a una profondità di ben sette metri al di sotto dell’autostrada. E’ stato quindi necessario effettuare uno scavo complessivo di 700 metri cubi all’interno del quale è stato poi spinto il manufatto. Solo successivamente è stato possibile ricostruire il sedime autostradale. Ricostruzione che è stata possibile in più fasi ed è stata completata in queste ore. 

Ultimo aggiornamento: 20:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA