Miss italia, sfilata di protesta delle candidate: «La bellezza non è una colpa»

PER APPROFONDIRE: finaliste, jesolo, miss italia
Miss italia, sfilata di protesta delle candidate: «La bellezza non è una colpa»

di Giuseppe Babbo

JESOLO - Esasperate dalle troppe critiche. Ma anche dalle ripetute polemiche di mercificazione del corpo della donna. Accuse che il concorso respinge con fermezza. Per questo ieri sera, durante la sfilata di presentazione delle 80 finaliste di Miss Italia, da piazza Torino a piazza Milano, sono state proprio le ragazze a far vita a un flash mob di protesta esibendo, negli ultimi metri di passerella, dei cartelli inneggianti alla libertà delle donne. Un modo per ribadire l’importanza di esprimere la loro libertà, compresa quella di poter sfilare ad un concorso di bellezza. Concetti che ieri mattina, nella cornice di Ferrowine, la patron del concorso Patrizia Mirigliani ha ribadito alla presentazione dell’epilogo dell’80. edizione del concorso che premia la più bella d’Italia.

 Dopo le prefinali di Mestre, da ieri è iniziata ufficialmente la fase di avvicinamento alla finale di venerdì 6 alle 21.45, in diretta su Raiuno. E se Jesolo si è confermato “Comune della bellezza, con tanto di consegna di simboliche chiavi della città dal sindaco Valerio Zoggia a Patrizia Mirigliani, la stessa patron ha voluto lanciare dei messaggi precisi.
I DIRITTI
Prima di tutto per la difesa dei diritti delle donne. «Jesolo è un nostro alleato – ha detto Patrizia Mirigliani - assieme abbiamo vinto diverse battaglie. Ora rilanciamo quella per la libertà delle ragazze: Miss Italia è un sacrario, dove bellezza viene tutelata e non offesa. Ci portiamo avanti dei cliché che appunto combattiamo. Dall’esordio ci portiamo avanti delle polemiche ma il concorso prosegue e la conferma arriva dalle 10mila ragazze che ogni anno vi partecipano. Nella finale celebreremo le donne». E dall’esempio di Venezia, che qualche anno fa, ospitando le miss in Piazza San Marco, inventò l’hashtag #EnjoyRespectVenezia anche il Comune di Jesolo quest’anno ha deciso di coniare uno slogan all’insegna della sostenibilità ambientale.
«Il nostro motto - ha spiegato il sindaco Valerio Zoggia - è molto semplice: “Ama la natura, Ama Jesolo”». Per questo oggi pomeriggio, alla foce del Sile, anche le aspiranti Miss, assieme ad alcuni volontari, parteciperanno alla raccolta di plastica: saanno numerosi i momenti che vedranno protagoniste le ragazze in città. «Tra i più attesi - ha annunciato l’assessore al Turismo Flavia Pastò - c’è quello dedicato al turismo inclusivo: le miss accompagneranno i ragazzi disabili durante un uscita in barca organizzata con l’associazione Uguali nel Vento Onlus al porto turistico di Jesolo». Massimo il supporto garantito dalla categorie: «Vogliamo che tutto vada per il meglio e ci siamo attivati assieme agli albergatori e all’Associazione Commercianti per garantire il successo dell’evento», ha detto il vicepresidente di Jesolo Turismo Pierfrancesco Contarini. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 31 Agosto 2019, 06:00






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Miss italia, sfilata di protesta delle candidate: «La bellezza non è una colpa»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 12 commenti presenti
2019-09-01 11:28:42
Mamma mia che tristezza. Una sfilata di luoghi comuni senza senso.
2019-09-01 09:45:45
E' vero, la bellezza non è una colpa,anzi. Ma benedette figliole,a dire il vero di veramente belle ne ho viste pochine. Spesso in un qualsiasi centro commerciale o nelle piazze, ne vedo di più belle. Mi dispiace, ma...
2019-09-01 09:04:46
No avete ragione viva la bellezza
2019-09-01 06:45:53
la bellezza non è una colpa? la stupidità nemmeno!
2019-09-01 05:34:57
Manifestazione spontanea irrituale o parte delle istruzioni ricevute per dare un tocco di modernita'???. Formato ed ugual colore dei cartelloni e del pennarellone nero mi fanno pensare..nessun slogan nuovo e micidiale.