Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Disinnescata bomba da 500 chili della seconda guerra mondiale

Per un'ora è rimasta chiusa la linea ferroviaria Udine-Venezia e la statale 13 Pontebbana. Evacuate per precauzione una ventina di persone

Domenica 14 Agosto 2022 di Redazione Web
La bomba

CODROIPO - Coi suoi 500 chili di esplosivo è una delle più grandi bombe della seconda guerra mondiale rinvenute nell'alveo del Tagliamento nel corso dell'ultimo mezzo secolo. L'ordigno è stato fatto brillare oggi, 14 agosto, dal Terzo Reggimento Guastatori del Genio di Udine, che ha eliminato un improvviso rischio emerso per la popolazione soltanto giovedì.

La bomba inesplosa, fabbricata nel lontano 1942, è stata rinvenuta durante gli scavi di un cantiere, nei pressi del ponte della Delizia, che mette in collegamento le province di Pordenone e Udine, tra i comuni di Codroipo, San Vito al Tagliamento e Valvasone Arzene. A 77 anni dalla fine del conflitto mondiale è ancora possibile trovare armamenti di questo genere, a maggior ragione nei pressi delle infrastrutture strategiche. Un problema emerso anche nelle scorse settimane con il susseguirsi degli incendi sul Carso: il fuoco, che ha divorato quasi 4 mila ettari di bosco a cavallo tra Italia e Slovenia, ha anche innescato decine di esplosioni di residuati bellici, risalenti in quel caso alla Grande Guerra.

L'operazione di bonifica è iniziata di primo mattino e ha comportato anche la chiusura, per circa un'ora, della linea ferroviaria Udine-Venezia e della strada statale 13 Pontebbana. Considerata la posizione periferica, si è resa necessaria l'evacuazione preventiva dalle loro abitazioni per una ventina di persone. Pochi i disagi per il traffico di Ferragosto: la sospensione dei treni ha riguardato un paio di convogli, mentre la circolazione viaria ha utilizzato percorsi alternativi segnalati dai volontari della Protezione civile. Le operazioni si sono svolte sotto il coordinamento delle Prefetture di Udine e Pordenone.

Video

Ultimo aggiornamento: 21:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci