Alla fine Illy accetta: sarà candidato al Senato /Tutti gli altri nomi

PER APPROFONDIRE: candidati, elezioni, friuli, fvg, politiche
Riccardo Illy
(MB) Riccardo Illy ha accettato ufficialmente la candidatura al Senato come indipendente in quota Partito democratico nel collegio 1 del Friuli Venezia Giulia, che spazia da Trieste a Gorizia e fino al confine tarvisiano con l’Austria. «Intendo svolgere un ruolo-ponte fra società e politica», ha spiegato, esprimendo soddisfazione «per un collegio elettorale così eterogeneo dove sono presenti tutte e tre le minoranze regionali, quella friuilana, quella slovena e quella di lingua di lingua tedesca, che rappresentano l’autentico valore aggiunto della nostra autonomia speciale».

Ma se la posizione di Illy è ormai assodata, come quella del giornalista Tommaso Cerno quale capolista nel listino proporzionale del Senato (seguito dalla slovena Tatiana Rojc), in casa Dem non tutto appare definitivamente certo per la presidente uscente della Regione Fvg Debora Serracchiani, già vicesegretaria nazionale del Pd: notizie rimbalzate da Roma la danno, al momento, confermata come candidata alla Camera nel collegio uninominale di Trieste, ma anche capolista al proporzionale dell’Abruzzo, all’esito di un estenuante braccio di ferro per tentare, pare invano, di scalzare il capogruppo Dem alla Camera Ettore Rosato dalla posizione blindata in cima al listino della Camera in Fvg. Il collegio 2 del Senato sarà appannaggio della candidatura di Isabella De Monte, eurodeputata, mentre negli altri quattro collegi uninominali della camera correranno Giorgio Brandolin (Gorizia), Silvana Cremaschi (Codroipo), Francesco Martines (Udine e Bassa) e Giorgio Zanin (Pordenone).
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 27 Gennaio 2018, 12:48






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Alla fine Illy accetta: sarà candidato al Senato /Tutti gli altri nomi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-01-28 12:33:05
Poveretto....e poveretti quelli che lo votano