Recita di Natale annullata, famiglie
arrabbiate: "indaga" il provveditore

Martedì 1 Dicembre 2015 di Mauro Favaro
5
PONZANO - «È solo una questione di sicurezza». Locali inadatti: la preside Sandra Messina, dirigente delle scuole di Ponzano, ripete a tutti che è questo l'unico motivo che l'ha spinta a far saltare la recita di Natale aperta ai famigliari degli alunni nel salone delle elementari di Merlengo per il secondo anno consecutivo. Niente altro. «Le recite vengono effettuate in tutti i plessi come sempre - spiega - non c'è alcun no perché non c'è stata alcuna richiesta diversa». Fatto sta che più di qualche genitore si è rivolto al sindaco Bianchin esprimendo tutto il suo disagio.

La religione qui non c'entra nulla. Ma l'argomento è comunque delicatissimo: vietare la recita di Natale a scuola senza trovare un luogo alternativo ha fatto piovere addosso alla preside una valanga di critiche. In primis quelle della giunta, che sta valutando la possibilità di tagliare i contributi alle scuole. Sull’accaduto però adesso il provveditorato vuole spiegazioni e le famiglie sono divise.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci