Mamma lancia l'appello: «Abbiate cura di mia figlia, 6 anni». E muore

Eleonora Fassa e la chiesa di Merlengo
TREVISO - «Abbiate cura di mia figlia di sei anni». Quando la fine della sua esistenza, tanto travagliata, difficile e dura, era ormai vicina, ha affidato questo ultimo messaggio d'amore alla comunità di Merlengo di Ponzano e alla scuola primaria della frazione, frequentata dalla sua piccola.
Eleonora Fassa, dopo una lunga battaglia contro un male incurabile e terribile, si è spenta sabato scorso, gettando nello sconforto le tante persone a lei vicine. Eleonora aveva 49 anni ed è mamma di due figli.

Un anno e mezzo fa la terribile diagnosi: i medici, durante un controllo, scoprirono che la donna era affetta da una gravissima forma di tumore, che aveva intaccato il suo viso e la gola. Con il passare del tempo, nonostante la voglia di lottare contro il male e le cure a cui è stata sottoposta, il suo quadro clinico è andato via via peggiorando. Sapeva bene, Eleonora, che non avrebbe potuto vivere a lungo: non c'era nessuna possibilità di guarigione. Nonostante ciò la 49enne è sempre stata vicina alla sua famiglia, fino all'ultimo.

Poi, negli ultimi giorni della malattia, l'ultimo appello, straziante, di mamma Eleonora alla comunità di Merlengo e alla scuola: «Abbiate cura di mia figlia di sei anni quando io non ci sarò più». Perchè la preoccupazione di Eleonora, che ha anche un fuiglio 18enne, era per la più piccola di casa, di soli sei anni.
La triste vicenda della mamma ha commosso tutti e in queste ore nella frazione di Ponzano è scattata una sorta di gara di solidarietà....
  
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 24 Gennaio 2018, 09:17






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Mamma lancia l'appello: «Abbiate cura di mia figlia, 6 anni». E muore
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 16 commenti presenti
2018-01-25 10:12:07
Gesù ci ha promesso " Dove nessuno può accompagnarti e dove tu non puoi portare niente, là io ti aspetto per trasformare per te le tenebre in luce." R.I.P.
2018-01-24 23:36:42
Non c entra Dio e nemmeno le sigarette come mi dicevano da giovane che fanno male. E' l aria la terra il cibo che ormai abbiamo avvelenato. Oggi tutti muoino di cancro perche' lo respiriamo ma non lo avete ancora capito ?
2018-01-24 22:25:08
R.I.P. in questo mondo ingiusto fatico a "credere"... Vorrei poter abbracciare questa piccola bimba che si trova senza un faro nella sua vita, come solo una madre puo essere. Che tristezza
2018-01-24 21:51:13
... nel facile è facile credere. è nel difficile che tale azione trova invece tutta la sua potente disumana dirompente forza benefica .. credere non è obbligatorio ma è lo spartiacque tra la luce ed il buio, tra l'essere natale e l'essere mortale.. l'eterno dilemma dell'uomo dal momento che ha preso coscienza che la morte non può essere la fine del suo percorso. ma l'inizio ..
2018-01-24 19:56:57
Come puo' un dio togliere la madre ad un figlio cosi piccolo!!! Come si puo' credere...di fronte a tanta crudelta'