La Lilt illumina di rosa la statua della Teresona: al via la prevenzione del tumore al seno

Domenica 2 Ottobre 2022 di Redazione Web
La Lilt illumina di rosa la statua della Teresona: al via la prevenzione del tumore al seno

TREVISO - Con l'illuminazione di ieri sera della statua della Teresona in piazza Indipendenza a Treviso si è aperta la 30° edizione della "Campagna Nastro Rosa 2022" della Lilt che nel mese di ottobre accende un riflettore per ricordare a tutte le donne l'importanza della prevenzione del carcinoma della mammella.

Neoplasia che rappresenta il più frequente tumore femminile, con circa 55 000 nuovi casi all'anno in Italia di cui 900 nella nostra provincia. «È per noi una grande emozione ma anche un grande impegno perché l'associazione con tutti i suoi volontari e mobilitata sia qui a Treviso Ma anche in tutte le sei delegazioni operanti nel territorio per ribadire questo messaggio dell'importanza della prevenzione della diagnosi precoce per sconfiggere questo tumore che rappresenta il tumore più frequente nel genere femminile – ha detto il dottor Alessandro Gava Presidente della Lilt Provinciale». 

La Lilt trevigiana ha organizzato anche un convegno dal titolo "E’ possibile prevenire il tumore della mammella? Cosa ci dice la scienza", che si è svolto all' auditorium Santa Croce. Sono state illustrate le più recenti evidenze scientifiche per la prevenzione del tumore al seno nel campo dell'alimentazione e dell'attività motoria oltre all'attività della Breast Unit trevigiana durante il periodo pandemico. E’ importante agire in questo ambito perché grazie alla prevenzione le donne riescono a salvarsi più del passato. «Infatti - ha ribadito il dottor Gava - anche se c'è un’incidenza dell’ 1/2% di aumento ogni all'anno i tassi di guarigione ormai sfiorano il 90% proprio se la diagnosi è precoce. Per questo è fondamentale ribadire soprattutto alle nuove generazioni questo concetto». Giovani che in provincia di Treviso sono stati  coinvolti dalla stessa Lilt. Alcuni studenti del liceo artistico di Treviso hanno infatti realizzato un singolare post da pubblicare sui social che è stato proiettato in anteprima proprio durante il convegno. «E’ importante parlare ai giovani con il linguaggio dei giovani» ha concluso il dottor Gava.

Ultimo aggiornamento: 3 Ottobre, 11:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci