Caffè a un euro, il bar Piazzetta fa scuola: «Così vado incontro ai miei clienti»

Domenica 22 Maggio 2022 di Claudia Borsoi
Gianni Barazza, il titolare del bar Piazzetta al Rione 66 di Vittorio Veneto che tiene il caffè a un euro

VITTORIO VENETO - In un momento storico segnato da svariati rincari, con il caffè che al bar tocca il costo di 1,30 euro a tazzina, il bar Piazzetta, in controtendenza, ha deciso di mantenere il prezzo fermo a un euro. «Gli aumenti li abbiamo vissuti anche noi in questi ultimi mesi – testimonia il titolare Gianni Barazza affiancato nell’attività dalla moglie - ma abbiamo comunque voluto mantenere il caffè ad un euro, prezzo che punto a mantenere fino alla fine dell’anno».


IL PANORAMA

Un recente studio di Confesercenti Veneto ha messo in luce come il costo della tazzina di caffè sarà ancora per poco stabile ad un euro e 20 centesimi. Nel capoluogo trevigiano, ma anche a Vittorio Veneto, già in numerosi bar e pasticcerie un espresso si paga 1,30 euro, in alcuni casi anche 1,40. «Io – racconta Barazza titolare del bar posto nel Rione 66, davanti al comando di polizia locale in pieno centro cittadino – ho deciso di mantenere il prezzo fermo ad un euro per venire incontro ai miei clienti che già devono fare i conti con numerosi rincari. Così facendo, di fatto possono risparmiare anche 30 centesimi su un caffè che, in una settimana, si traduce nel poter bere un ulteriore caffè». Barazza ha rilevato il bar Piazzetta a gennaio 2020, giusto alla vigilia dello scoppio della pandemia. E l’avvio, dunque, non è stato facile. «Ora la gente, dopo due anni di pandemia e il venir meno delle restrizioni anti-Covid, sta riprendendo fiducia e già nell’ultimo mese e mezzo stiamo notando un buon afflusso. Ci vorrà però ancora del tempo perché si possa tornare a livelli pre-pandemia – stima il barista - ma poco a poco la gente ha ripreso a muoversi».


LA FILOSOFIA

Oltre alla clientela abituale, negli ultimi tempi Barazza ha “conquistato” nuovi avventori. L’aver mantenuto il prezzo della tazzina di espresso a un euro, e non aver ritoccato nemmeno altri prezzi come l’ombra, il tradizionale bicchiere di vino, è stato premiato. «Non che noi non abbiamo avuto dei rincari – precisa il titolare del bar Piazzetta - ma non abbiamo voluto girarli al cliente. Quando ho aperto il bar nel gennaio 2020 il caffè era ad un euro e così lo è ancora dopo quasi due anni e mezzo. Sono tra i pochi in provincia ad aver mantenuto l’espresso ad un euro: ci sono clienti che lo servono ad 1,30 o 1,40 euro. Abbiamo potuto fare questa scelta anche perché non abbiamo dipendenti: il locale è a gestione famigliare. La mia volontà è di mantenere ancora, almeno fino a fine anno, l’espresso ad un euro». Tutto questo confermando la stessa qualità del caffè.

Ultimo aggiornamento: 23 Maggio, 10:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci