Venerdì 13 Luglio 2018, 12:46

La paga da miseria dell'architetto: 600 euro al mese, 10 volte meno del dovuto

PER APPROFONDIRE: architetto, mogliano, paga, studio
La paga da miseria dell'architetto: 600 euro al mese, 10 volte meno del dovuto

di Denis Barea

MOGLIANO - Per tre anni professionista con importanti responsabilità progettuali per un notissimo studio di architettura moglianese. A seicento euro al mese. Poco più di 20mila euro in tre anni, dieci volte meno quanto avrebbe dovuto ricevere secondo la valutazione dello stesso Ordine degli Architetti di Treviso. Ora, secondo il tribunale di Treviso, dopo la causa intentata alla 43enne spettano oltre 140mila euro di arretrati. Il mega risarcimento è stato stabilito ad aprile con la sentenza emessa dal giudice Alessandra Pesci alla fine di una causa durata oltre sei anni.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
La paga da miseria dell'architetto: 600 euro al mese, 10 volte meno del dovuto
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 18 commenti presenti
2018-07-14 09:28:19
600 e 800 euro al mese pagano anche nell'informatica società come engineering spa quotata inborsa per lavorare presso banche enel o generali a mogliano. Il precariato è questo con 280 euro di contributi mensili. Dicono che gli immigrati servono per pagare i contribui a noi italiani ? Non credo. Il problema é che ispettorato del lavoro non fa nulla e i tribunali dicono che é tutto regolare anche se i contratti di appalto e di subappalto non ci sono mai
2018-07-14 06:23:28
Se dopo un lungo periodo un dipendente o gruppo di dipendenti, diventati esperti, si dimette e fonda una societa' o gruppo di lavoro,come si comporta il precedente datore di lavoro( anche se ha regolarmente retribuito e secondo contratti registrati e con clausola di proprieta' di eventuali invenzioni o ricerche)? La nuova societa' deve stare con le antenne ben dritte ed operare con tutte le cautele legali.La casistica di denunce per concorrenza sleale ,"furto" di clienti o di professionalita' e' sempre in agguato.A volte le sentenze sono favorevoli alla nuova impresa, a volte alla vecchia.Per esempio farsi pubblicita' presso i clienti della precedente ditta,e' legale o no? Dipende spesso da come ci si procura l'elenco..se e' furto dati aziendali criptati o i dati erano di libero dominio dei precedenti addetti,o nati da rapporti di fiducia personale.Dato che spesso i clienti lavoravano fianco a fianco con i tecnici e solo al momento del pagamento fattura intestavano alla ditta-madre .Chissa' quante cause civili sono in cantiere per questioni legate a concorrenza ( per altro sancita nelle regole UE come legittima), retribuzioni non adeguate ecc.a volte conviene un patteggiamento tra le parti, altrimenti...campa cavallo.
2018-07-14 00:49:01
Ma per forza che poi vanno all'estero, i professionisti e i ricercatori.
2018-07-13 22:11:55
Chi si sente sfruttato deve mettersi in proprio o cambiare mestiere, non essere vigliacco da denunciare una scelta condivisa.
2018-07-13 20:25:46
Ma avete idea di chi esce dall’università?