Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

​Dall’amianto alle discariche:
sono oltre 50 i siti inquinati

Sabato 7 Maggio 2016
Dall’amianto alle discariche: sono oltre 50 i siti inquinati
2
PORDENONE - Cinquanta siti contaminati, e tanto lavoro da fare. Da Aviano a Porcia, passando per tutte quelle abitazioni private in cui - senza saperlo - si è spesso a contatto con potenziali emergenze ambientali. Emerge questo dato, dall'analisi pubblicata dalla Provincia e concernente lo stato di salute ecologica del territorio. E non è un quadro rassicurante. Per mettere mano alla cinquantina di situazioni potenzialmente rischiose per l'ambiente, infatti, servono milioni di euro. A doverceli mettere, secondo il principio «chi inquina paga», saranno i privati (perlopiù aziende) ma intanto è toccato alla Provincia segnalare l'esistenza del problema.

Le situazioni a rischio ambientale, come detto, sono una cinquantina e per ognuna di esse è attiva una procedura in capo all'ente guidato da Claudio Pedrotti. Altri 24, invece, sono soggetti a indagine preliminare. Nove, invece, i siti già interessati da una bonifica.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci