Sabato 2 Novembre 2019, 19:50

È già emergenza in ospedale, non ci sono più posti letto liberi

PER APPROFONDIRE: ospedale, pordenone, posti letto
Ospedale in difficoltà, non ci sono posti letto liberi

di Davide Lisetto

PORDENONE  - Emergenza in ospedale: non ci sono più posti letto liberi. Nel mese di ottobre nell’ospedale di Pordenone ci sono stati quasi sempre tra i venti e i venticinque pazienti - a rotazione - fuori reparto. L’insufficienza di posti letto in alcuni ambiti (negli ultimi anni il problema si è intensificato anno dopo anno, acutizzandosi nel periodo invernale a causa dei maggiori ricoveri) costringe l’organizzazione ospedaliera a spostare ricoverati di un reparto in altri reparti dove “avanza” qualche posto letto. Una situazione che causa enormi disagi. In particolare per i pazienti che devono “traslocare” di reparto magari in piani diversi della struttura ospedaliera, ma soprattutto per i medici e gli infermieri che si vedono costretti a rincorrere fuori reparto i pazienti che hanno in cura.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO
Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
È già emergenza in ospedale, non ci sono più posti letto liberi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 11 commenti presenti
2019-11-04 17:44:12
Una volta si diceva: esci da questo corpo; cosa c'entrano gli immigrati? Invasione? Si, di prosecco. zaia ha puntato tutto sul tiramisù e sul prosecco a scapito della sanità di cui ha dimostrato non nutrire particolare interesse. Mi raccomando lo rivoti.
2019-11-04 14:58:00
Modello sanitario del nordest da esportare dicono i leghisti. Beati loro che non si ammalano mai e mai hanno bisogno di un esame qualsiasi, altrimenti non si spiega la loro felicità nel votare lega da 30 anni visto che ha eliminato la sanità pubblica.
2019-11-04 08:56:04
Le regioni tagliano nella sanità principalmente per recuperare spese inutili e stipendi..........
2019-11-03 18:49:22
I pazienti sono considerati solo un'inutile e fastidioso onere
2019-11-03 15:23:26
Togliamo subito la sanità alle Regioni, urgente