Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vescovo esasperato dalle truffe agli anziani: arrivano i poliziotti davanti alle chiese

Sabato 2 Luglio 2022 di Loris Del Frate
Vescovo esasperato dalle truffe agli anziani: arrivano i poliziotti davanti alle chiese
1

Non ne poteva più di sentire storie di anziani truffati con finte telefonate, falsi avvocati, figli o nipoti in pericolo per i quali è necessario pagare. E così monsignor Giuseppe Pellegrini, vescovo della diocesi di Concordia - Pordenone, ha deciso di far intervenire la polizia a “difesa” dei suoi fedeli e delle chiese. Un patto con gli agenti affinché proteggano i più vecchi, spesso deboli e indifesi, ma che mostrano la loro fede andando a messa anche sotto il solleone di questi giorni. Il vescovo ha trovato un accordo con le forze dell’ordine che già da domenica 3 luglio manderanno una pattuglia sul sagrato delle chiese più importanti di Cordenons, Zoppola e Porcia. A Pordenone vigileranno sulla sicurezza dei fedeli agenti in borghese. I controlli fuori dalle chiese partono il 3 luglio, ma andranno avanti anche le prossime domeniche.

L’iniziativa ha un nome: “Attenti alle truffe”. Gli uomini della Questura di Pordenone si fermeranno al momento dell’uscita dalla chiesa delle persone e consegneranno a tutti, ma in particolare agli anziani, opuscoli con le truffe ricorrenti e come cercare di evitarle. Nell’opuscolo che sarà consegnato ci sono anche le spiegazioni delle truffe ricorrenti: il finto avvocato che telefona a casa e dice che un vostro parente è responsabile di un incidente e chiede soldi per chiudere subito il caso. Attenzione a chi per strada vende un anello o pietre preziose, ovviamente finte, dicendo che deve partire subito, ma non ha soldi contati e occhi aperti anche alla falsa beneficenza per i bambini poveri. Tutto falso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci