Le sorelle Valeria e Roberta creano con l'argilla: nell'atelier di Chions collane, bracciali e orecchini

"Ogni pezzo racconta una parte di noi, ed è quello il suo inestimabile valore aggiunto"

Mercoledì 30 Novembre 2022 di Mirella Piccin
Chions, atelier sorelle Valeria e Roberta creano con argilla

CHIONS - La manualità sembra relegata a mondi passati, eppure ci sono giovani che riscoprono la bellezza di realizzare qualcosa di materico e reale, e trasformarlo in un lavoro. Un impegno che nasce da professionalità e passione e, in questo caso, anche per riscoprire la propria infanzia. Nel centro di Chions, in via Giuseppe Garibaldi, è stato inaugurato un laboratorio e punto vendita, Atelier origine: all'interno due sorelle, Valeria e Roberta Liut, 28 e 24 anni, la prima diplomata in lingue con esperienza all'estero, la seconda laureata all'Accademia di Belle Arti a Venezia. Due sorelle che in questi giorni hanno chiuso positivamente la tre giorni in fiera a Pordenone Riso e confetti 2022. Creano, complici ma rispettose dei propri spazi e delle idee creative. Così è nata una linea di collane, orecchini e bracciali chiamata Elisa, poi ancora la collezione Lima, con i colori dall'arancio, del rosso e marrone. Tonalità che seguono anche le stagioni. Poi la linea Esplora il mare, piatti, tazze, vasi, vassoi e altri oggetti come i cuori, piccoli o grandi, ma anche animali, i pesci, le balene, le farfalle, i gatti, le libellule.


IL RACCONTO
La storia di Valeria e Roberta si snoda tra i colori della ceramica e la creatività tutta italiana. Entrando nel loro laboratorio si avverte un senso di poesia e di colore, che passa dalle loro mani agli oggetti che creano ogni giorno. Ambizione e coraggio sono le parole che sembrano riecheggiare tra vasi, centinaia di pennelli e colori sparsi sul tavolo. Ma le due sorelle sono conosciute nelle piazze del Friuli e vicino Veneto, presenti ad eventi con i mercatini con le loro creazioni. Spiegano: «Ci siamo avvicinate al mondo della ceramica perché ci rasserena; infatti, tutte le creazioni partono dal cuore. Ci sono le linee grezze, più istintive, e poi le creazioni su commissione. In questo periodo abbiamo la linea per il Natale, la Natività, le palline colorate, folletti, portacandele che riempiamo con la cera di soia. Ci piace affermare - sottolineano - che questa nostra avventura unisce la tradizione del lavoro artigiano manuale alla contemporaneità e alla sperimentazione. Siamo sempre state attratte dal lavoro manuale fin da piccole, quando preparavamo le torte di terra. L'idea di un progetto condiviso (grazie anche alla famiglia che ci ha appoggiato e aiutato) in ambito creativo è cresciuta dentro di noi, a poco a poco, mentre eravamo occupate nei rispettivi percorsi di formazione, poi ci siamo ritrovate».


L'INIZIO
Il tutto parte dalla materia prima, l'argilla, che le sorelle modellano, impastano e iniziano a lavorare. Ma prima ancora da un progetto su carta, scegliendo i colori. Roberta, a differenza di Valeria che è più tranquilla, è una esplosione di creatività; oltre a dipingere, suona in tre gruppi musicali. Anche se precisano: «In realtà siamo timide, e questo laboratorio diventa un angolo di sfogo. È bello lavorare tra sorelle, perché siamo diverse e ci incastriamo alla perfezione, ognuna con la sua visione e il suo talento. Ogni pezzo è disegnato e creato con attenzione, competenza e sensibilità. Soprattutto, ogni pezzo racconta una parte di noi, ed è quello il suo inestimabile valore aggiunto».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci