Aviano. Pauroso incendio nella notte ​alla Snua. Tanto fumo Foto Video Scuole chiuse a Roveredo. I messaggi ai militari ​della base aerea militare: “Non uscite”. Il bollettino

PER APPROFONDIRE: aviano, incendio, rifiuti, snua
Pauroso incendio nella ditta di rifiuti I sindaci: state in casa Ft Vd
AVIANO (PORDENONE) - Un terribile incendio è divampato nella notte del 12 ottobre nel deposito dell'azienda di rifiuti Snua di Aviano, nella zona industriale della città, più precisamente in un capannone dell'impianto di compostaggio e trattamento rifiuti di via De Zan. Non risultano esserci persone ferite.

INTERVISTA ad Andrea Leonarduzzi funzionario vigili del fuoco - GUARDA IL VIDEO

Una coltre di fumo, scaturita dal rogo di materiale ingombrante e plastiche, ha invaso il cielo, bisognerà adesso capire se vi siano rischi per la salute o meno. Sul posto stanno lavorando i tecnici dell'Arpa, i vigili del fuoco di Pordenone e Maniago, anche con il nucleo Nbcr e i carabinieri. 

LE CAUSE DEL ROGO E COSA HA PRESO FUOCO
Non è ancora chiaro che cosa abbia dato il via all'incendio, tuttavia i tecnici non escludono un fenomeno di autocombustione. Ad essere interessati dall'incendio sono stati 3.000 quintali di materiale non riciclabile.


DOVE SI STA SPOSTANDO IL FUMO
La nuvola di fumo she si è sprigionata dal rogo per adesso ha solo lambito Aviano ma si è spostata in direzione base aerea militare e Roveredo.

ALLARME AMBIENTALE? COSA STA SUCCEDENDO
I tecnici dell'Arpa Fvg finora avrebbero escluso problemi di natura ambientale, secondo le prime analisi. Va comunque detto che i risultati definitivi dei campionamenti dell'aria arriveranno tra due giorni. In attesa che i tecnici dell'Arpa diano risposte sugli eventuali rischi per la popolazione, il sindaco di Roveredo ha consigliato ai cittadini di restare chiusi in casa. 

IL BOLLETTINO DELL'ARPA
Le prime misure effettuate da Arpa FVG con i contaparticelle nelle aree interessate dall’incendio della Snua di Aviano sono confortanti e al di sotto della metà dei valori limiti sperimentali; il PM10 è inferiore alla metà del limite giornaliero ed è in linea con i valori di fondo della zona. Dal punto di vista ambientale la situazione appare sotto controllo con ricadute di inquinanti al suolo contenute.
 
 

Alla base USAF di Aviano è sconsigliato fare attività all'aria aperta
Fonti non ufficiali hanno fatto sapere che l'Aeronautica militare italiana si è mossa per informare singolarmente con messaggi, mail e whatsapp i militari e il personale della base aerea militare di Aviano, dove sono stanziati anche i caccia bombardieri e gli elicotteri del 31esimo fighter wing, consigliando tutti di non svolgere attività all'aria aperta.

Scuole chiuse a Roveredo
A Roveredo le scuole sono rimaste chiuse in via precauzionale, lo comunica il sindaco Paolo Nadal. Il fumo scaturito dall'incendio, infatti, si sta dirigendo verso la vicina cittadina. Non risultano esserci provvedimenti simili ad Aviano.

Appello del sindaco a Porcia
Il sindaco della cittadina, Marco Sartini, a causa del cattivo odore che sta arrivando ha consigliato i cittadini di tenere porte e finestre chiuse, non fare attività all'aperto e non consumare ortaggi dell'orto.

Comunicazione del sindaco di Roveredo ore 15 circa
Da informazioni pervenute per le vie brevi dagli enti preposti, si comunica che la qualità dell'aria è rientrata nella norma. Si consiglia di consumare frutta e verdura degli orti dopo accurati e ripetuti lavaggi.
Il sindaco Paolo Nadal 


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 12 Ottobre 2019, 08:35






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Aviano. Pauroso incendio nella notte ​alla Snua. Tanto fumo Foto Video Scuole chiuse a Roveredo. I messaggi ai militari ​della base aerea militare: “Non uscite”. Il bollettino
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 33 commenti presenti
2019-10-13 11:08:30
Evidentemente è più economico un incendio che un vero smaltimento...si guadagna molto e basta una latta di benzina...
2019-10-12 18:25:13
Cosi costa meno a smaltire i rifiuti...se ci sono colpevoli vanno messi in galera
2019-10-13 09:55:39
si, ci sono ma con le leggi che abbiamo ed i soggetti che devono farle applicare i delinquenti fanno in tempo ad andare in pensione!!!
2019-10-12 16:33:54
Non è ancora chiaro, sembra autocombustione, ormai tutta Italia si è trasformata in terra dei fuochi, altrimenti non si spiegherebbero tutte queste autocombustioni, forse smaltire correttamente questa roba costa troppo, per questo ogni macroregione dovrebbe essere autosufficiente in materia, compresi i rifiuti urbani, ci vuole coraggio e fermezza, altro che porta a porta, se necessario si costruiscano inceneritori che certamente sono meno impattanti di questi quasi giornalieri incendi.
2019-10-12 16:29:48
Caso mai si deve dare da fare l'Arpafvg