Crisi, imprenditore si impicca in azienda. ​Trovato dalla moglie e da un operaio

PER APPROFONDIRE: emanuele vezù, imprenditore, suicidio
Imprenditore s'impicca in azienda
Trovato dalla moglie e da un operaio
VIGONZA - Tragedia questa mattina, 5 marzo, a Peraga di Vigonza: un operaio ha aperto le porte dell'azienda dove lavora e ha trovato il titolare impiccato, con lui c'era anche la moglie della vittima. Per l'uomo, ​Emanuele Vezù, di 57 anni, non c'era più nulla da fare. Sul posto i carabinieri per i rilievi. Non è escluso che a spingere l'uomo al gesto estremo siano stati fattori economici, anche se la vittima non ha lasciato biglietti che spieghino il suo gesto. Sul posto il pubblico ministero Roberto Piccione e i carabinieri della Compagnia di Padova. 

LA SCOPERTA
L'imprenditore si è tolto la vita nella sua ditta di Peraga di Vigonza, la Ital Service, azienda specializzata nel commercio di ricambi di cucina ed elettrodomestici. Questa mattina l'operaio si è presentato ai cancelli della ditta, ha suonato ma nessuno gli ha aperto, ha chiamato al telefono il titolare ma anche in quel caso nessuna risposta. A quel punto l'uomo ha deciso di avvertire la moglie di Vezù che è arrivata sul posto con le chiavi. Insieme hanno aperto la porta e sono entrati nel capannone, compiendo la terribile scoperta.

LE MANI LEGATE
Vezzù è stato trovato con le mani legate. Il dettaglio delle mani legate, in maniera grossolana, non cambia però l'ipotesi investigativa prevalente del suicidio: forse quello di legarsi le mani è stato un gesto per non desistere dall'intento di togliersi la vita

 
 

Sono attivi alcuni numeri verdi a cui chiunque può rivolgersi per avere supporto e aiuto psicologico:
Telefono Amico 199.284.284
Telefono Azzurro 1.96.96
Progetto InOltre 800.334.343
De Leo Fund 800.168.768
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 5 Marzo 2019, 11:07






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Crisi, imprenditore si impicca in azienda. ​Trovato dalla moglie e da un operaio
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 50 commenti presenti
2019-03-06 12:18:19
Si legge che il suo negozio era stato soppiantato dalle e-vendite .Infatti alcune marche vendono: tramite rappresentante, poi tramite negozio di zona e poi e-commerce pure con l' e-outlet..Il rappresentante passa ed espone la merce e riceve un " ci dobbiamo pensare" ..poi lo si bypassa e pure il negozio di zona , ordinando alla medesima ditta tramite il sito e.commerce della stessa e facendosi consegnare tramite corriere.Poi la casa madre chiude negozio di zona e non paga il rappresentante dicendo che non attirano commesse o non vendono. Alla fine possono succedere queste tristi vicende.
2019-03-06 07:28:40
da leoni da tastiera a avvoltoi da tastiera (evoluzione della specie)??
2019-03-06 04:28:15
prima si è impiccato e poi si è legato le mani…...un po' strano no?????????
2019-03-05 23:49:56
@ignotus: che io sappia,i debiti si estinquono tuttora,per gli eredi: basta che rinuncino all'eredità. ma a parte questo... ei disgustoso,sai? se nel tuo cuore non riesci a trovare un pò di pietà nemmeno per un uomo che si toglie la vita perchè non ce la fa, vuol dire che in te non c'è rimasto più niente,di umano.
2019-03-06 13:00:08
All'università ho fatto ben sei esami di diritto e conosco bene quello civile. La rinuncia all'eredità si può sempre fare ma...se c'è del "mandolato" (leggi attivo) superiore ai debiti questi comunque li devi pagare se vuoi avere i beni che vale la pena di riscattare. Riguardo al fatto che non provi pietà deriva dal fatto che chi si suicida è in fondo una persona egoista che mette nei guai in ogni caso chi restata a questo mondo e deve sciropparsi le sue rogne derivanti da scelte avventate o da sfortuna. Non credo in ogni caso di essere disgustoso ma solo una persona che ragiona con la testa e non con i sentimenti di "buonismo o di pietismo"!